Curva Sud

1971/1972

1973/1974

1974/1975

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1978/1979

1979/1980

1980/1981

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1989/1990

1990/1994

1995/1999

2000/2001

2001/2002

2002/2003

2003/2004

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

Curva Sud 25° scudetto

 

Curva Sud trasferta

1971/1972

1973/1974

1974/1975

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1979/1980

1980/1981

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1988/1989

1989/1990

1990/1991

1991/1992

1992/1993

1993/1994

1994/1995

1995/1996

1996/1997

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

2008/2009

Curva Sud in Europa

Curva Sud a Vicenza

 

Butei al Bentegodi

1982/1983

1984/1985

1985/1986

2002/2003

2004/2005

2006/2007

2007/2008

2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

2014/2015

 

Butei in trasferta

1981/1982

1992/1993

2000/2001

2002/2003

2003/2004

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

2014/2015

 

Videotube gialloblu

Video Brigate Gialloblu

Video Hellas Army

Video scudetto

Video passione infinita

Video Curva Sud

Video trasferte

Video Butei

Video partite

Video Conte Arvedi

Video by Primoluglio

Video by Elkyaer

Video by MrAnyflash

Sumbu Brothers & 1903

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Io, il Verona non sapevo nemmeno cosa fosse. O meglio, sapevo che Verona è una città italiana e potevo immaginarmi che ci fosse anche una squadra di calcio, che la rappresentasse. Ma era solo un'intuizione. Perciò rimasi un pò perplesso quando, durante i campionati europei del 1984 in Francia, mi venne fatta la proposta di andare a giocare nell'Hellas Verona...
Giunsi a Verona insieme ad Hans Peter Briegel e alle nostre rispettive consorti. Il primo impegno fu quello di sottoporci alle visite di rito. Il secondo di cercare casa. Andammo sul lago di Garda. Ne avevamo sentito parlare e volevamo vederlo di persona. Ci bastò un attimo. Mia moglie, con fare piuttosto autoritario, mi disse: "Preben, noi vivremo qui"..
Il giorno del primo allenamento, prendo l'auto assieme a Peter e vengo a Verona. Mi presentano Bagnoli e lui mi dice: "Ciao". Un attimo di silenzio e mi porge una domanda: "Dove giochi?". "In attacco", risposi. Io non sapevo l'italiano, però quella parola l'avevo imparata. I dialoghi con il nostro allenatore non sono mai stati particolarmente entusiasmanti. Bagnoli è un uomo tranquillo, forse anche un pò timido, e ha sempre parlato molto poco. Lo faceva solo se le circostanze rendevano necessario un suo intervento. Ma il nostro rapporto è stato stupendo. Ci capivamo con uno sguardo...
La fiducia ci venne strada facendo. Dopo tre partite avevo già capito che eravamo fortissimi e che avremmo potuto dire la nostra contro tutte le avversarie...
Alla quinta giornata battiamo la Juventus per 2-0. Segno il famoso gol senza scarpa e da quel momento divento l'idolo della tifoseria gialloblu. Fu un gol strepitoso, il tipico gol che uno sogna di realizzare fin da quando, ancora bambino, comincia a tirare i primi calci ad un pallone...
La nostra cavalcata solitaria termino con la conquista dello storico scudetto del 12 maggio 1985. Giocavamo a Bergamo contro l'Atalanta. Ora che ci penso, mi sembra quasi un segno del destino: la società orobica fu la prima a contattarmi e me la sono ritrovata di fronte, protagonista impotente, nel giorno più bello della mia vita calcistica italiana. Segnai il gol del pareggio. A quel punto la partita praticamente finì. Si giocava solo perché si doveva arrivare al 90°, ma in sottofondo si respirava l'aria del trionfo. Il pubblico veronese al seguito della squadra ribolliva di gioia. Il suo tifo assordante spingeva in avanti le lancette dell'orologio. Tutti aspettavamo il triplice fischio di chiusura e quando, finalmente, l'arbitro Boschi di Parma decretò la fine delle ostilità si scatenò il putiferio...
Ero pazzo di gioia, felice per la scelta che avevo compiuto nemmeno un anno prima, consapevole di aver partecipato alla realizzazione di un'impresa storica, destinata, forse, a rimanere unica. Una settimana di festa ci accompagnò all'ultima gara di campionato con l'Avellino. Quella domenica lo stadio era bellissimo, tutto colorato di giallublu. Ma nei giorni precedenti tutta Verona ha vissuto, credo, un momento magico. La gente scendeva nelle piazze, cantava e ballava per la felicità che le aveva regalato l'Hellas. Credo che una cosa del genere non fosse mai successa e mi piace sapere di avere contribuito a questo "miracolo". Questa città, infatti, mi è entrata nel cuore. Ho ancora la casa sul lago di Garda e se un giorno dovessi decidere di lasciare la Danimarca so già dove rifugiarmi. Mio figlio Max è veronese. Lui è nato nel 1987...
Quando sono andato via dal Verona, la squadra è retrocessa in serie B. Ho sofferto molto per questo fatto, perché, per come l'ho conosciuta io, questa piazza merita di giocare solo in serie A. Adesso c'è tornata e mi auguro ci rimanga a lungo. Me lo auguro soprattutto per i tifosi del Verona che sanno sostenere la propria squadra come pochi.
Io ero un loro beniamino ed ero forse un privilegiato. Ma l'amore nacque spontaneo, senza forzature. Io sapevo solo ridere e giocare bene. Loro mi hanno apprezzato per questo. E ancora adesso, quando sono a Verona e mi incontrano per strada, mi dicono semplicemente "Ciao Elkjaer" e io sono contento. Perché so che non mi hanno dimenticato. La loro riconoscenza va di pari passo con la mia. Perché quando hai modo di conoscere ed apprezzare chi soffre con te alla domenica e partecipa alle tue gioie e ai tuoi dolori pur non essendo in campo, ti ci affezioni. Almeno io sono fatto così. E per questo motivo, per rispetto nei confronti chi mi ha amato e osannato fino ad invocarmi come sindaco di Verona, non ho accettato di vestire altre maglie di società italiane. Il loro rispetto meritava il mio rispetto...
Ci sono momenti, in Danimarca, in cui chiudo gli occhi e rivedo Verona. Ma mi basta guardare Max per capire che il legame con questa città sarà per me indissolubile. Lui, Max, me lo fa presente ogni volta che ci arrabbiamo. "Papà - mi dice - ricordati che io sono italiano. Anzi, sono veronese". È furbo Max, perché sa che il solo pronunciamento di quella parola fa scomparire la mia arrabbiatura. Verona città magica, parola di Preben.

 

Testo tratto da:
"Storie in gialloblu"
Verona, Chievo e Scaligera Basket
raccontati dai protagonisti
di Antonio Spadaccino
Edito da:
Associati Media srl

 


 

 


 

 

 


 

 

 


 

 

Foto da "Supergol" n.3 1984

 


 

 

Hellas Verona - Napoli 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Ascoli - Hellas Verona 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Juventus 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Juventus 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Juventus 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Juventus 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Juventus 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Fiorentiona 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Cremonese - Hellas Verona 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 

 


 

 

Hellas Verona - Sampdoria 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Udinese - Hellas Verona 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Inter 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Roma 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Roma 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Cremonese 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Torino 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Milan - Hellas Verona 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Milan - Hellas Verona 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Milan - Hellas Verona 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Como 1984/85

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

 

 

 

Articolo e foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 


 

 

Titolo da "L'Arena"

 


 

 

Titolo da "L'Arena"

 


 

 

Hellas Verona - Paok Salonicco

 

Coppa Campioni 1985/86

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Paok Salonicco

 

Coppa Campioni 1985/86

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 


 

 

Titolo da "Tuttosport"

 


 

 

Titolo da "Tuttosport"

 


 

 

Titolo da "Tuttosport"

 


 

 

Paok Salonicco - Hellas Verona

 

Coppa Campioni 1985/86

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Juventus

 

Coppa Campioni 1985/86

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Juventus - Hellas Verona

 

Coppa Campioni 1985/86

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Juventus - Hellas Verona

 

Coppa Campioni 1985/86

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Juventus - Hellas Verona

 

Coppa Campioni 1985/86

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

Juventus - Hellas Verona

 

Coppa Campioni 1985/86

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

Hellas Verona - Milan 1985/86

 

Foto dal "Guerin Sportivo"

 


 

 

 

 


 

 

 

 

 

Scudetto

Campionato 1984/85

12 Maggio 1985

Curva Sud a Bergamo

Curva Sud al Bentegodi

Osvaldo Bagnoli

Squadra

Abbonamento

Protagonisti dello scudetto

Biglietto 12 maggio 1985

Biglietto 19 maggio 1985

Prime pagine

L'Arena 13-05-85

L'Arena 20-05-85

Il Veronese

Guerin sportivo

Album calciatori 1984-85

Lavagno:Piazza Scudetto

 

Storia Hellas Verona

Dati dal 1903 al 2007

Classifiche 1945 - 1954

Classifiche 1955 - 1964

Classifiche 1965 - 1974

Classifiche 1975 - 1984

Classifiche 1985 - 1994

Classifiche 1995 - 2004

Classifiche 2005 - 2014

 

Campionato

1975-1976

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Campionato

1982-1983

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Campionato

1983-1984

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Formazioni

Dal 1955 ai giorni nostri

 

Abbonamenti

Dal 1947 ai giorni nostri

 

Biglietti

1970/1971

1971/1972

1973/1974

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1978/1979

1979/1980

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1987/1988

1988/1989

1989/1990

1991/1992

1993/1994

1997/1998

1999/2000

2007/2008

2008/2009

2009/2010

Coppe europee

Coppe europee Mr. Chivers

Speciali 2000

Trasferte "a Chievo"

 

Protagonisti gialloblu

Osvaldo Bagnoli

Gianfranco Zigoni

Preben Larsen Elkjaer

José Guimaraes Dirceu

 

Rassegna stampa

Derby serie A

H.V. - Stella Rossa

Stella Rossa - H.V.

H.V. - Sturm Graz

H. V. - Paok Salonicco

Paok Salonicco - H.V.

H. V. - Utrecht

 

Cori gialloblu

Testi

Audio

 

Striscioni

Ciao Butei

Striscioni vari

Striscioni Dirceu

Pastorello Day

 

Gemellaggi

Soli contro tutti

1 Febbraio 1987

Adesivi gialloblu

Pubblicazioni

Copertine GS

GS: bomba allo stadio

Annus Horribilis