Curva Sud

1971/1972

1973/1974

1974/1975

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1978/1979

1979/1980

1980/1981

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1989/1990

1990/1994

1995/1999

2000/2001

2001/2002

2002/2003

2003/2004

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

Curva Sud 25° scudetto

 

Curva Sud trasferta

1971/1972

1973/1974

1974/1975

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1979/1980

1980/1981

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1988/1989

1989/1990

1990/1991

1991/1992

1992/1993

1993/1994

1994/1995

1995/1996

1996/1997

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

2008/2009

Curva Sud in Europa

Curva Sud a Vicenza

 

Butei al Bentegodi

1982/1983

1984/1985

1985/1986

2002/2003

2004/2005

2006/2007

2007/2008

2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

2014/2015

 

Butei in trasferta

1981/1982

1992/1993

2000/2001

2002/2003

2003/2004

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

2014/2015

 

Videotube gialloblu

Video Brigate Gialloblu

Video Hellas Army

Video scudetto

Video passione infinita

Video Curva Sud

Video trasferte

Video Butei

Video partite

Video Conte Arvedi

Video by Primoluglio

Video by Elkyaer

Video by MrAnyflash

Sumbu Brothers & 1903

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Girone d'andata

 

 


 

Ideato e realizzato da Max, poeta spoetizzato

 


 

 

LE SQUADRE

 

 

ASCOLI: Brini, Menichini, Boldini, Scorsa, Gasparini, Nicolini, Novellino, De Vecchi, Monelli, Greco, Carotti.

Muraro L. (2° portiere), Pircher, Anzivino, Mandorlini, Muraro C, Trevisanello, Zahoui.
Allenatore: Mazzone

AVELLINO: Tacconi, Osti, Ferrari, Schiavi, Favero, Di Somma, Barbadillo, Tagliaferri, Bergossi, Vignola, Limido.
Cervone (2° portiere), Centi, Vailati, Skov, Cascione, Braghin, Boccafresca, Albiero, Aversano, Fattori, Malaman.
Allenatore: Marchioro, dalla 6a Veneranda

CAGLIARI: Malizia, Lamagni, Azzali, Restelli, Bogoni, Vavassori, Quagliozzi, Poli, Piras, Marchetti A., Pileggi.
Goletti (2° portiere), Uribe, Rovellini, Marchetti M., Victorino, Loi, De Simone, Mazzarri, Sacchi, Dore.
Allenatore: Giagnoni

CATANZARO:Zaninelli, Cuttone, Cavasin, Boscolo, Santarini, Baccini, Bivi, Braglia, Musella, De Agostini, Mariani P.
Bertolini (2° portiere), Venturini, Ermini, Sabadini, Pesce, Salvadori, Peccenini, Trombetta, Borrello, Nastase, Palese.
Allenatore: Pace, dalla 16a Leotta

CESENA: Recchi, Benedetti, Piraccini, Buriani, Mei, Ceccarelli, Filippi, Gabriele, Schachner, Genzano, Garlini.
Delli Pizzi (2° portiere), Oddi G., Arrigoni, Moro, Rossi, Morganti, Mastini, Righetti G., Conti D
Allenatore: Bolchi

FIORENTINA:Galli, Cuccureddu, Contratto, Sala, Pin C., Passarella,
Bellini, Pecci, Bertoni, Antognoni, Massaro.
Paradisi (2° portiere), Manzo, Ferroni A.

Allenatore: De Sisti

GENOA: Martina, Faccenda, Testoni, Corti, Onofri, Gentile Ca., Viola, Peters, Antonelli, Iachini, Briaschi.
Favaro (2° portiere), Benedetti,Fiorini,Chiodini,Boito,Simonetta, Somma, Vandereycken, Russo, Moras, Ponti, Rizzola.
Allenatore: Simoni

INTER: Bordon, Bergomi,Baresi G.,Oriali, Collovati, Bini, Bagni, Muller, Altobelli, Beccalossi, Marini.
Zenga (2° portiere), Bergamaschi, Sabato, Juary, Ferri R., Bernazzani, Pellegrini
Allenatore: Marchesi

JUVENTUS:Zoff, Gentile, Cabrini, Bonini, Brio, Scirea, Tardelli, Rossi, Platini, Boniek.
Boldini (2° portiere), Marocchino, Furino, Prandelli, Galderisi, Storgato, Koeting.
Allenatore: Trapattoni

NAPOLI: Castellini, Bruscolotti, Citterio, Ferrario, Krol, Dal Fiume, Celestini, Vinazzani, Diaz, Criscimanni, Pellegrini.
Ceriello(2° portiere),Marino R.,Scarnecchia,Vagheggi, Amodio, Iacobelli, Capone, De Vitis.
Allenatore: Giacomini, dalla 12a Pesaola

PISA: Mannini, Secondini, Riva, Vianello, Garuti, Gozzoli, Berggreen, Casale, Sorbi, Occhipinti, Todesco.
Buso (2° portiere), Massimi, Birigozzi, Pozza, Ugolotti, Mariani F., Caraballo.
Allenatore: Vinicio

ROMA: Tancredi, Nela, Vierchowod, Ancelotti, Falcao, Maldera, Iorio, Prohaska, Pruzzo, Di Bartolomei, Conti.
Superchi (2° portiere), Nappi, Chierico, Valigi, Righetti U., Faccini, Giovanelli.
Allenatore: Liedholm

SAMPDORIA:Conti P., Ferroni M., Pellegrini L., Casagrande, Guerrini, Bonetti, Chiorri, Maggiora, Scanziani, Brady, Mancini.
Bistazzoni (2° portiere), Rosin (3° portiere), Francis, Zanone, Renica, Vullo, Rosi, Brunetti.
Allenatore: Ulivieri

TORINO: Terraneo, Van De Korput, Beruatto, Zaccarelli, Danova, Galbiati, Torrisi, Dossena, Selvaggi, Hernandez, Borghi.
Copparoni(2° portiere), Corradini, Ferri G., Bertoneri, Rossi E., Bonesso, Salvadori, Comi
Allenatore: Bersellini

UDINESE: Corti, Galparoli, Tesser, Gerolin, Edinho, Cattaneo, Causio, Miano, Mauro, Surjak, Pulici.
Borin (2° portiere), Orazi, Virdis, Chiarenza, De Giorgis, Papais, Ceccotti, Pancheri, Siviero.
Allenatore: Ferrari

H.VERONA:Garella, Oddi, Marangon, Volpati, Spinosi, Tricella, Fanna, Sacchetti, Di Gennaro, Dirceu, Penzo.
Torresin (2° portiere), Sella, Fedele, Manueli, Guidetti, Gibellini, Zmuda, Fiorio.
Allenatore: OSVALDO BAGNOLI
 

 


 

12/09/1982

 

1a giornata

 

 

ASCOLI - GENOA: 0-0
 

CAGLIARI - ROMA: 1-3

9' Faccini(R), 60' autorete Loi(C), 67' Piras(C), 87' Iorio(R)
 

CESENA - PISA: 0-0
 

FIORENTINA - CATANZARO: 4-0

9' Graziani, 11' Bertoni D., 20' Antognoni(rig.), 80' Bertoni A.
 

NAPOLI - UDINESE: 0-0

 

SAMPDORIA - JUVENTUS: 1-0

63' Ferroni

 

TORINO - AVELLINO: 4-1

8' Hernandez(T), 45' Borghi(T), 63' Dossena(T), 82' Selvaggi(T), 87'autorete Galbiati(T)

 

H.VERONA - INTER: 1-2

19' Altobelli(I), 22' Muller(I), 35' Volpati(H.V.)

 

 

Spettatori:

21.038 paganti per un incasso di £. 335.791.000
più 8.999 abbonati per una quota di £. 83.266.000

 

 

CLASSIFICA

 

1

Fiorentina

2
2

Inter

2
3

Roma

2
4

Sampdoria

2
5

Torino

2
6

Ascoli

1
7

Cesena

1
8

Genoa

1
9

Napoli

1
10

Pisa

1
11

Udinese

1
12

Avellino

0
13

Cagliari

0
14

Catanzaro

0
15

Juventus

0
16

HELLAS VERONA

0

 

 

La partita:

L'Inter va in vantaggio con una rete (contestata) di Altobelli, raddoppia con Muller su punizione e gioco di rimessa. Poi, però, perde il tedesco e una punizione di Fanna dà a Volpati la palla del gol-bandiera.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

19/09/1982

 

2a giornata

 

 

AVELLINO - ASCOLI: 2-0

53' Barbadillo, 79' autorete Scorsa
 

CATANZARO - TORINO: 0-0

 

GENOA - FIORENTINA: 0-3

8' Antognoni, 42' Pecci, 73' Bertoni D.
 

INTER - SAMPDORIA: 1-2

11' Francis (S), 34' Muller (I), 56' Mancini (S)
 

JUVENTUS - CESENA: 2-0

47' Bettega, 62' Platini
 

PISA - NAPOLI: 2-0

30' e 70' (rig.) Casale
 

ROMA - H.VERONA: 1-0

90' (rig.) Di Bartolomei
 

UDINESE - CAGLIARI: 1-1

30' (rig.) Causio (U), 81' Marchetti(C)
 

 

CLASSIFICA

 

1

Fiorentina

4
2

Sampdoria

4
3

Roma

4
4

Torino

3
5

Pisa

3
6

Udinese

2
7

Juventus

2
8

Inter

2
9

Avellino

2
10

Napoli

1
11

Genoa

1
12

Cesena

1
13

Cagliari

1
14

Catanzaro

1
15

Ascoli

1
16

HELLAS VERONA

0

 

 

La partita:

Successo di fortuna contro un Verona iellato che fallisce di un soffio tre reti (con Volpati, Fanna e Penzo) e colpisce una traversa (colpo di testa di Volpati). La vittoria romanista, per di più, nasce da un rigore concesso al 90': Garella atterra Falcao e Di Bartolomei lo realizza.
 

 

 

 


 

26/09/1982

 

3a giornata

 

 

ASCOLI - PISA: 2-2

6' De Vecchi (A), 12' Monelli (A), 21' Todesco (P), 68' Birigozzi (P)
 

CAGLIARI - INTER: 0-2

44' Altobelli (I), 60' autorete Loi (C)
 

CESENA - AVELLINO: 2-0

77' e 81' Schachner
 

FIORENTINA - UDINESE: 1-2

26' (rig.)Antognoni(F),63' e 73' Pulici (U)
 

NAPOLI - CATANZARO: 2-0

35' Criscimanni, 68' Diaz
 

SAMPDORIA - ROMA: 1-0

34' Mancini
 

TORINO - GENOA: 1-1

8' Borghi (T), 89' autorete Dossena (T)
 

H.VERONA - JUVENTUS: 2-1

63' Fanna (H.V.), 89' Tricella (H.V.), 90' Rossi (J)

Spettatori:

30.500 paganti per un incasso di £.372.021.000
più 9.000 abbonati per una quota di £. 83.266.000
 

 

CLASSIFICA

 

1

Sampdoria

6
2

Fiorentina

4
3

Roma

4
4

Torino

4
5

Pisa

4
6

Udinese

4
7

Inter

4
8

Napoli

3
9

Cesena

3
10

Avellino

2
11

Juventus

2
12

Genoa

2
13

Ascoli

2
14

HELLAS VERONA

2
15

Cagliari

1
16

Catanzaro

1

 

 

La partita:

Gara a due facce: primo tempo di marca juventina (con un un palo di Boniek) e ripresa dominata dai veronesi che vincono con pieno merito.

 

I gol

 

1-0: lancio di Dirceu per Fanna che dribbla Cabrini e indovina un diagonale vincente;

2-0: contropiede di Sacchetti per Tricella che batte Zoff di sinistro; 2-1; Garella non trattiene un tiro di Boniek e Rossi firma la rete-bandiera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

03/10/1982

 

4a giornata

 

 

AVELLINO - CAGLIARI: 0-0

 

CATANZARO - CESENA: 1-1

7' Bacchin (Ca), 78' autorete Venturini (Ca)
 

GENOA - VERONA: 0-1

85' autorete Testoni (G)
 

INTER - FIORENTINA: 0-0

 

JUVENTUS - NAPOLI: 3-0

17' Rossi, 45' e 51' Boniek
 

PISA - SAMPDORIA: 3-2

1' Todesco (P), 32' Berggreen (P), 73' Scanziani (S), 80' Berggreen (P), 90' (rig.) Mancini (S)
 

ROMA - ASCOLI: 2-1

12' Prohaska (R), 75' Greco (A), 81' (rig.) Pruzzo (R)
 

UDINESE - TORINO: 2-2

17' Hernandez (T), 43' (rig.) Causio (U), 53' autorete Dossena (T), 75' Borghi (T)

 

 

CLASSIFICA

 

1

Sampdoria

6
2

Pisa

6
3

Roma

6
4

Fiorentina

5
5

Torino

5
6

Udinese

5
7

Inter

5
8

Cesena

4
9

Juventus

4
10

HELLAS VERONA

4
11

Napoli

3
12

Avellino

3
13

Genoa

2
14

Ascoli

2
15

Cagliari

2
16

Catanzaro

2

 

 

La partita:

Il Verona passa a Marassi su autorete, ma meritatamente. L'episodio decisivo all'85: lancio di Sacchetti in area genoana, Testoni anticipa Fanna ma la palla gli rimbalza sulla coscia e s'infila in rete senza che Martina possa rimediare. Il Verona ha al proprio attivo un gioco nettamente superiore e un altro paio di palle-gol fallite.
 

 

 

 

 

 


 

10/10/1982

 

5a giornata

 

 

ASCOLI - UDINESE: 3-0

19' Pircher, 52' De Vecchi, 77' Boldini
 

CAGLIARI - PISA: 1-1

23' Azzali (C), 83' Berggreen (P)
 

CESENA - GENOA: 0-1

2' Antonelli
 

FIORENTINA - JUVENTUS: 0-1

54' Brio
 

NAPOLI - ROMA: 1-3

1' Pellegrini (N), 33' Iorio(R), 65' Nela (R), 78' Chierico (R)
 

SAMPDORIA - CATANZARO: 4-2

4' Mariani P. (Ca), 10' Scanziani (S), 40' Casagrande (S), 55' Mariani P. (Ca), 68' Casagrande (S), 77' Chiorri (S)
 

TORINO - INTER: 0-0

 

H.VERONA - AVELLINO: 3-0

14' Penzo, 80' Di Gennaro, 90' Gibellini
 

 

Spettatori:

13.728 paganti per un incasso di £.88.660.500

più 9.129abbonati per una quota di £. 84.750.000
 

 

CLASSIFICA

 

1

Sampdoria

8
2

Roma

8
3

Pisa

7
4

Torino

6
5

Inter

6
6

Juventus

6
7

HELLAS VERONA

6
8

Fiorentina

5
9

Udinese

5
10

Cesena

4
11

Genoa

4
12

Ascoli

4
13

Napoli

3
14

Avellino

3
15

Cagliari

3
16

Catanzaro

2

 

 

La partita:

Verona con grandi ambizioni (con Dirceu in cattedra) e Avellino in pieno caos.

 

I gol

 

1-0: punizione di Di Gennaro, testa di Volpati poi entra Penzo e di piatto segna;

2-0: Fanna crossa da sinistra e rete, al volo, di Di Gennaro;

3-0: traversone di Tricella e gol in scivolata di Gibellini.
 

 

 

 

 

 


 

17/10/1982

 

6a giornata

 

 

AVELLINO - FIORENTINA: 2-0

18' Cascione, 57' Vignola
 

CATANZARO - ASCOLI: 1-0

1' De Agostini
 

GENOA - CAGLIARI: 3-0

14' Briaschi (G), 25' Autorete Lamagni (C), 87' Corti G. (G)
 

INTER - NAPOLI: 2-2

56' Oriali (I), 67' (rig.) Altobelli, 86' Criscimanni (N), 90' Marino R. (N)
 

PISA - H.VERONA: 0-1

65' Penzo
 

ROMA - CESENA: 1-0

10' Pruzzo
 

TORINO - SAMPDORIA: 3-0

19', 45' e 50' Selvaggi
 

UDINESE - JUVENTUS: 0-0
 

 

CLASSIFICA

 

1

Roma

10
2

Sampdoria

8
3

Torino

8
4

HELLAS VERONA

8
5

Inter

7
6

Juventus

7
7

Pisa

7
8

Udinese

6
9

Fiorentina

5
10

Avellino

5
11

Cesena

4
12

Genoa

4
13

Ascoli

4
14

Napoli

4
15

Catanzaro

4
16

Cagliari

3

 

 

La partita:

Contro un Pisa abbastanza concreto, un Verona ordinato e preciso che espugnando l'Arena Garibaldi (seppure con il dubbio del fuorigioco) mette a segno la sua quarta vittoria consecutiva. Così la rete-partita: palla lavorata a lungo da Dirceu, lancio per Penzo che con i pisani immobili, batte Mannini. In precedenza, lo stesso Penzo aveva colpito un palo.

 

 

 

 


 

24/10/1982

 

7a giornata

 

 

ASCOLI - SAMPDORIA: 2-0

34' (rig.) De Vecchi, 65' Greco
 

CAGLIARI - TORINO: 0-0

 

CESENA - FIORENTINA: 3-3

13' e 64' Graziani (F), 69' Bertoni D. (F), 77' Schachner (C), 80' Garlini (C), 84' Buriani (C)
 

GENOA - UDINESE 2-3

20' (rig.) Edinho (U), 34' Tesser (U), 55' Antonelli (G), 66' Orazi (U), 83' (rig.) Iachini (G)
 

JUVENTUS - ROMA: 2-1

5' Chierico (R), 49' Platini (J), 56' Scirea (J)
 

NAPOLI - AVELLINO: 1-1

31' Limido (A), 63' autorete Ferrari (A)
 

PISA - INTER: 1-1

69' Berggreen (P), 82' Bagni (I)
 

H.VERONA - CATANZARO: 3-1

30' e 33' Penzo (H.V), 55' Borriello (C), 71' Dirceu (H.V)
 

 

Spettatori:

16.187 paganti per un incasso di £.106.047.000,
più 9.129 abbonati per una quota di £. 90.800.000
 

 

CLASSIFICA

 

1

HELLAS VERONA

10
2

Roma

10
3

Torino

9
4

Juventus

9
5

Sampdoria

8
6

Inter

8
7

Pisa

8
8

Udinese

8
9

Fiorentina

6
10

Avellino

6
11

Ascoli

6
12

Cesena

5
13

Napoli

5
14

Genoa

4
15

Catanzaro

4
16

Cagliari

4

 

 

La partita:

Verona in cattedra nel primo tempo con Penzo doppiettista, mentre dà lezione di calcio nella ripresa.

 

I gol

 

1-0: cross di Dirceu, Venturini non salta e Penzo segna di testa;

2-0: Di Gennaro tocca per Penzo su punizione, gran botta e rete;

2-1: Garella non trattiene un tiro di Boscolo, entra Borello e segna;

3-1: Dirceu da 40 metri spara a rete e infila all'incrocio.

 

 

 

 

 

 

Rassegna Stampa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

31/10/1982

 

8a giornata

 

 

AVELLINO - JUVENTUS: 1-1

56' Scirea (J), 70' Di Somma (A)
 

CATANZARO - GENOA: 2-2

13' De Agostini (C), 31' Antonelli (G), 51' Mariani (C), 78' autorete Zaninelli (C)
 

FIORENTINA - CAGLIARI: 3-1

3' Passarella (F), 17' Massaro (F), 54' Uribe (C), 71' (rig.) Antognoni (F)
 

INTER - ASCOLI: 2-0

5' autorete Scorsa (A), 63' Beccalossi (I)
 

ROMA - PISA: 3-1

26' Todesco (P), 76' (rig.) e 81' Pruzzo (R), 85' maldera (R)
 

SAMPDORIA - CESENA: 0-0

 

TORINO - NAPOLI: 1-1

37' Diaz (N), 75' Borghi (T)
 

UDINESE - H.VERONA: 0-0
 

 

CLASSIFICA

 

1

Roma

12
2

HELLAS VERONA

11
3

Torino

10
4

Juventus

10
5

Inter

10
6

Sampdoria

9
7

Udinese

9
8

Pisa

8
9

Fiorentina

8
10

Avellino

7
11

Ascoli

6
12

Cesena

6
13

Napoli

6
14

Genoa

5
15

Catanzaro

5
16

Cagliari

4

 

 

La partita:

Gara equilibrata con un Verona più pericoloso nel primo tempo ma in soggezione nella ripresa quando l'Udinese ha attaccato di più e meglio. Al 61', una punizione di Edinho ha colpito il palo sinistro per rimbalzare sul destro e Miano, solo davanti a Garella, non è riuscito a sospingere in rete il pallone.
 

 

 

 

 

 

 

 


 

07/11/1982

 

9a giornata

 

 

ASCOLI - H.VERONA: 2-3

42' Fanna (H.V), 59' Oddi (H.V), 62' Monelli (A), 74' Penzo (H.V), 85' Novellino (A)
 

CAGLIARI - CATANZARO: 1-0

88' Piras (C)
 

CESENA - INTER: 2-2

3' Bergamaschi (I), 12' Garlini (C), 38' Piraccini (C), 86' Bini (I)
 

FIORENTINA - TORINO: 0-0

 

GENOA - AVELLINO: 1-1

47' Briaschi (G), 58' Tagliaferri (A)
 

JUVENTUS - PISA: 3-2

17' Platini (J), 21' (rig.) Rossi (J), 33' Berggreen (P),38' Bettega (J), 61' Ugolotti (P)
 

NAPOLI - SAMPDORIA: 0-1

56' Scanziani
 

UDINESE - ROMA: 1-1

22' Falcao (R), 81' Surjak (U)
 

 

CLASSIFICA

 

1

HELLAS VERONA

13
2

Roma

13
3

Juventus

12
4

Torino

11
5

Inter

11
6

Sampdoria

11
7

Udinese

10
8

Fiorentina

9
9

Pisa

8
10

Avellino

8
11

Cesena

7
12

Ascoli

6
13

Napoli

6
14

Genoa

6
15

Cagliari

6
16

Catanzaro

5

 

 

La partita:

Continua il momento magico del Verona che passa vittorioso anche ad Ascoli.

 

I gol

 

0-1: show di Sacchetti che serve a Fanna la palla del vantaggio;

0-2: il raddoppio nasce da un lancio di Dirceu per Oddi e il terzino batte Brini con un diagonale;

1-2: lancio di Novellino e Monelli devia in rete;

1-3: servito alla perfezione da Tricella, Penzo fa tris;

2-3: Novellino batte Garella con un diagonale.
 

 

 

 

 

 

Rassegna Stampa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

dal Guerin Sportivo n.ro 43 del 1982 27 ottobre 2 novembre
 

 

LA SQUADRA DEL GIORNO/VERONA

 


Sull’attenta programmazione di Mascetti e Bagnoli, l’arrivo di Dirceu ha fatto scatenare la scintilla della classe. Così sono maturate le cinque vittorie consecutive e il primato in classifica. Con Guidetti e Zmuda in panchina.

 

 

Momenti di Gloria
di Adalberto Scemma
 

 

Verona. Due mazzate subito in avvio (Inter e Roma pronte a razziare- la moviola è garante-con la complicità di arbitri Rocambole….) poi un’escaletion dirompente. Cinque vittorie l’una in fila all’altra, Juve, Genoa, Avellino, Pisa e Catanzaro senza possibilità di repliche. E’ stato così che il Verona, per la prima volta nella sua storia, ha agguantato la cima della classifica scrollandosi di dosso dubbi, timori reverenziali e persino difficoltà di amalgama: un rullo compressore che rischia di scappare di mano persino a Bagnoli, alchimista della panchina che tra i tanti meriti ha anche quello di essere sempre disponibile a rivedere le proprie teorie e ad adattarle alla situazione. Come nel caso di Dirceu, rifiutato prima, poi accettato a viva forza e inserito infine (pezzo pregiatissimo) nel collettivo. La presenza di una provinciale in vetta al campionato offre di per se stessa una chiave di valutazione non facile da proporre se si prescinde da argomenti scontati: l’elemento sorpresa, la concatenazione di episodi favorevoli, uno stato di forza dovuto a un momento contingente. Il ruolo di leader viene sempre vissuto, sia dai giocatori che dai tifosi, alla stregua di un’avventura: quando il treno si ferma, tutti a casa, senza rimorsi e senza rimpianti.
POMPIERE. Di ipotesi, o di programmi, Bagnoli non ne fa proprio. Un po’ per temperamento e un po’ perché ha capito che il ruolo di “pompiere” è l’unico che un allenatore serio, nella sua situazione, può ricoprire in questo momento. “Ma a sgasare i giocatori – sogghigna – non ci penso proprio: devono andare avanti così, a ruota libera, senza fissarsi obiettivi. Ci attendono Udinese e Ascoli? Benissimo. Possiamo perdere ma possiamo anche vincere, dipende da come si mette. Certo che è una squadra, il Verona, con vocazione dichiarata per il pareggio…” Il ruolino parla chiaro: cinque vittorie e due sconfitte. Come dire che il gioco tira tutto in verticale, con quel Dirceu pronto a inventare il colpo proibito e quel Penzo capace di trasformarsi in catapulta quando si tenta di sfruttare le cosiddette palle perse. Verona d’attacco, dunque? La sostanza è questa, magari al di là delle stesse intenzioni di Bagnoli. Ed è stata proprio la presenza di un fuoriclasse come Dirceu a dare al gioco l’impronta offensivistica che il Verona palesa persino su terreni esterni.
BLITZ. Sulla carta, va detto, Mascetti e Bagnoli avevano costruito durante l’estate una squadra destinata a garantire senza troppi patemi la permanenza in A. Nomi come quelli di Marangon, di Zmuda, di Guidetti e di Fanna, tanto per chiarire, rappresentavano una credenziale di tutto rispetto. Ma è stato l’acquisto-lampo di Dirceu, nelle ultime battute del calciomercato, a propiziare al Verona quel salto di qualità poi confermato anche in concreto. Quel Dirceu che aveva costituito per Bagnoli una sorta di casus belli…”Il meccanismo che avevo in testa – si difende il tecnico – stava ormai perfezionandosi quando ecco che mi arriva questo brasiliano. Gran giocatore, certo, ma difficile da inserire. Punta, intanto, o centrocampista? Un equivoco di fondo che il campionato avrebbe risolto ma che mi costringeva, prima di ogni altra cosa, a rinunciare a Guidolin, uno dei capisaldi della formazione. Insomma: il rischio c’era…
UMILTA’. Proprio in questo frangente (difficile anche per lui se pensiamo all’ambientamento, alla tensione e così via) si è palesata la grande classe di Dirceu. Il brasiliano non ha perso tempo in chiacchiere e non ha preteso soprattutto, il ruolo di leader: è stato lui a entrare in sintonia con la squadra e ad adattarsi alle sue caratteristiche, non viceversa. Una lezione di umiltà che ha stupito per primo, crediamo, proprio Bagnoli. E vediamo come si muove sul campo la scacchiera del Verona. Davanti a Garella, ci sono Spinosi (che colpo!) e Oddi in veste di marcatori. Il romano agisce sulla prima punta mentre il terzino sgomita dietro la cosiddetta spalla. Sul fluidificante gioca invece marangon, cui fa da contraltare Fanna dalla porte opposta del campo: due stantuffi importanti, capaci di muoversi con perfetti sincronismi e capaci quindi di creare sempre e comunque l’elemento sorpresa. Tra i centrocampisti, Volpati è quello più arretrato: contrasta e rilancia ma soprattutto si inserisce con notevole tempismo nelle azioni d’attacco sfruttando la propria velocità e forza fisica. Ai lati giocano invece Sacchetti e Di Gennaro, punti di riferimento costanti per gli scambi con Dirceu, libero da marcature e libero quindi di inventare il gioco (ma in spazi ridotti, per non creare scompensi…) e di cercare la soluzione da lontano. Penzo, bomber giunto quest’anno alla piena maturità dopo una carriera consumata in serie B, è la punta più avanzata. Per lui parlano i risultati: quattro gol decisivi e un ruolo del tutto inedito di capocannoniere, sua pure in condominio. Il meccanismo del Verona è semplice, come vedete, e in certi momenti della partita persino elementare. Ma è proprio questa, probabilmente, la forza della squadra di Bagnoli: più si bada all’essenza del gioco, meno errori si compiono. E in panchina, pronti al debutto dopo due gravi infortuni, ci sono elementi come Zmuda e Guidetti, scusate se è poco. Trovate una ragione, una soltanto, per la quale alla truppa di Bagnoli (tifosi compresi) dovrebbe essere precluso il diritto a sognare….
 

 


 

21/11/1982

 

10a giornata

 

 

CESENA - UDINESE: 1-0

10' Piraccini
 

INTER - GENOA: 2-1

6' Altobelli (I), 84' Faccenda (G), 88' Bergamaschi (I)
 

JUVENTUS - TORINO: 1-0

35' Platini (J)
 

NAPOLI - ASCOLI: 0-0

 

PISA - CATANZARO: 0-0

 

ROMA - FIORENTINA: 3-1

4' Pruzzo (R), 30' (rig.) Antognoni (F), 45' e 85' Conti B. (R)
 

SAMPDORIA - AVELLINO: 0-0

 

H.VERONA - CAGLIARI: 2-2

12' Penzo (H.V), 18' Uribe (C), 65' Fanna (H.V), 74' Piras (C)
 

Spettatori:
27.705 paganti per un incasso di £. 203.690.000

più 9.126 abbonati per una quota di £. 94.000.000
 

 

CLASSIFICA

 

1

Roma

15
2

HELLAS VERONA

14
3

Juventus

14
4

Inter

13
5

Sampdoria

12
6

Torino

11
7

Udinese

10
8

Fiorentina

9
9

Pisa

9
10

Avellino

9
11

Cesena

9
12

Ascoli

7
13

Napoli

7
14

Cagliari

7
15

Genoa

6
16

Catanzaro

6

 

 

La partita:

Costretto ad attaccare (e con un Dirceu sottotono) il Verona deve rinunciare al contropiede e favorisce il Cagliari.

 

I gol

 

1-0: traversone di Oddi, Penzo anticipa Bogoni e insacca di testa;

1-1: servito da Quagliozzi, Uribe indovina un colpo di testa che sorprende tutti;

2-1: lanciato da Penzo, Fanna, in corsa, batte Malizia;

2-2: su una respinta di Garella, Piras firma il pareggio definitivo.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

28/11/1982
 

11a giornata

 

 

ASCOLI - JUVENTUS: 2-0

25' e 45' Novellino
 

AVELLINO - INTER: 1-2

71' Marini (I), 75' Vignola (A), 87' Altobelli (I)
 

CAGLIARI - NAPOLI: 1-0

81' Restelli
 

CATANZARO - ROMA: 0-0

 

FIORENTINA - H.VERONA: 1-1

20' Volpati (H.V), 81' Pin (F)
 

GENOA - SAMPDORIA: 1-1

9' Mancini (S), 80' Fiorini (G)
 

TORINO - CESENA: 0-1

49' Buriani
 

UDINESE - PISA: 1-1

53' (rig.) Casale (P), 56' Surjak (U)

 

 

CLASSIFICA

 

1

Roma

16
2

HELLAS VERONA

15
3

Inter

15
4

Juventus

14
5

Sampdoria

13
6

Torino

11
7

Udinese

11
8

Cesena

11
9

Fiorentina

10
10

Pisa

10
11

Avellino

9
12

Ascoli

9
13

Cagliari

9
14

Napoli

7
15

Genoa

7
16

Catanzaro

7

 

 

La partita:

Duramente contestata durante la gara, i Pontello hanno lasciato lo stadio 10' prima della fine e perdendo il pari toscano.
 

I gol

 

0-1: bella azione di Volpati che entra in area e batte Galli di esterno;
1-1: Pin, con una gran bordata da circa trenta metri indovina il corridoio giusto.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Dal Guerin Sportivo n.ro 47 del 24-30 novembre 1982
 

 

IL CAPOCANNONIERE/DOMENICO PENZO
 

 

Autoritratto di un uomo che oggi ha vinto una battaglia importante della sua guerra personale contro un mondo che finora lo ha spesso considerato unicamente come un pacco postale

 

Con quella faccia da apache
di Gianfranco Civolani

VERONA. Ha la faccia da apache, ha due piedi che fanno paura ai portieri e ha sempre la fregola di contestare i sacri testi. Già, i sacri testi del pallone. Dicono che Domenico Penzo da quando spara calci in campionati credibili (anno 1972, la Quarta Serie con il Borgosesia) ha inflitto la bellezza di centotrè gol, undici in Serie A, quarantaquattro in B eccetera. “I sacri testi dicono qualche bugia. Se veramente vogliamo andare indietro e fare i conti bene, allora i gol sono magari centodieci perché ogni anno l’almanacco mi frega un gol o due, questioni di banali equivoci, un’autorete fantasma o roba del genere. Però devo anche dire una cosa: sono stati i giornalisti che mi hanno fatto i conti nei piedi. Io alla storia dei cento gol non ci avevo nemmeno pensato, lo giuro.”
L’INTERVISTA. Domenico Penzo ma come mai sei esploso così tardi?
“Può esserci una ragione, diciamo il fatto che sono un tipo molto speciale”.
-Speciale come?
“Forse non so tutelare come si deve la mia immagine, sono un po’ lunatico, a volte tanto espansivo e altre volte chiuso a riccio. E poi mi hanno sempre etichettato come un giocatore di categoria, sì, tanto bravo in C e bravo anche in B, ma in A no, quel Penzo in A…”
-Se non sbaglio, hai una storia tormentata….
“Intanto l’infanzia a Chioggia: papà era pescatore, non ho vergogna a dire che facevamo spesso la fame. Mi dicono: ma allora eravate poveri pescatori…sì, eravamo in tanti in famiglia, una famiglia di poveri pescatori che sbarcava il lunario nemmeno so io come .”
-Che studi hai fatto?
“Ma quali studi, ma come potevo? Mi sono dovuto studiare tutte le curve della vita, si dice così?”
-E il tuo trasferimento a Milano?
“I poveri pescatori un giorno arrivarono a Milano e allora adesso posso definirmi un veneto milanesizzato, ma sì. E col pallone ho cominciato a farmi apprezzare a Roma, nella Romulea. Da lì alla Roma del terzo posto, la Roma di De Sisti e Prati. Io facevo la punta, ma dopo Prati e Spadoni.
Quell’anno giocai diciannove partite e feci un gol. Morale: l’anno dopo spedito a Piacenza e a Benevento a cercare fortuna. Poi a Bari, ventidue gol in due stagioni, un bel ricordo in tutti i sensi.
Poi sono continuati i giorni gloriosi, ma sempre in B e quasi quasi con la maglia del Brescia vincevo la classifica dei cannonieri. L’anno dopo, eccomi di nuovo in A. Morale: quattro gol e i soliti discorsi, Penzo funziona solo in B. E infatti a Verona con Bagnoli butto dentro quattordici palloni e adesso gioco in A per la terza volta in vita mia e i gol sono sei, faccio pure fatica a crederci.”

-Amico, ma dove vuoi arrivare?
“Potrei dire: voglio arrivare molto vicino a Pruzzo perché in quel caso vuol dire che si va lontano.”
-nel senso che su Domenico Penzo supercannoniere non scommetteresti un soldo?
“Poche lire, pochi spiccioli. Pruzzo vince, Rossi si piazza bene e Penzo magari fa dieci gol…perché no?”
-Hai rimpianti?
“Ma no, ma quali…. Ho vinto tre campionati, ho fatto più di cento gol, ho moglie e tre figli, abito a Cusano Milanino e sto da papa, ho ventinove anni e tutti mi segnano a dito perché sono pure davanti a Pruzzo e a Rossi, non so se mi spiego…..”
-In sostanza non hai grandi traguardi….
“La Serie A l’ho finalmente conquistata e adesso guai a chi me la toglie. Ma prendila come una battuta, io sono un tipo tranquillo che sa come gira il mondo.”
-Il segreto di questo Verona?
“Penzo che va con il contagiri al massimo e altri giocatori che danno il centouno per cento. E un signore che si chiama Bagnoli e che ti seduce con quei suoi lunghi silenzi più eloquenti di mille parole”.
-Ultima cosa: tu potessi tornare indietro, diciamo ai tempi della Romulea…
“Magari adesso mi ribellerei, direi che non sono più disposto a fare il pacco postale, implorerei più fiducia di quella che mi diedero, ma sia chiaro che non ce l’ho con nessuno. C’è chi la fortuna la stringe presto, chi tardi e chi mai.”
SU QUELLA faccia da apache ci stanno tre o quattro rughe che esprimono la sofferenza della vita. Il proletario Domenico Penzo è tutto qui, ovvero un’arrampicata che non finisce più.
 

 


 

12/12/1982

 

12a giornata

 

 

ASCOLI - FIORENTINA: 1-0

90' Novellino
 

CESENA - CAGLIARI: 0-0

 

JUVENTUS - CATANZARO: 3-1

34' Cuttone (C), 40' Marocchino (J), 48' e 60' Tardelli (J)
 

NAPOLI - GENOA: 1-1

42' (rig.) Iachini (G), 87' (rig.) Ferrario (N)
 

PISA - AVELLINO: 2-0

62' Garuti, 73' Berggreen
 

ROMA - INTER: 2-1

34' Falcao (R), 67' Iorio (R), 89' Altobelli (I)
 

SAMPDORIA - UDINESE: 1-3

12' Pulici (U), 62' Mauro (U), 75' Scanziani (S), 78' Causio (U)
 

H.VERONA - TORINO: 1-0

6' Sacchetti

 

 

CLASSIFICA

 

1

Roma

18
2

HELLAS VERONA

17
3

Juventus

16
4

Inter

15
5

Sampdoria

13
6

Udinese

13
7

Cesena

12
8

Pisa

12
9

Torino

11
10

Ascoli

11
11

Fiorentina

10
12

Cagliari

10
13

Avellino

9
14

Napoli

8
15

Genoa

8
16

Catanzaro

7

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rassegna Stampa

 

 

 

 


 

19/12/1982

 

13a giornata
 

 

AVELLINO - ROMA: 1-1

30' Prohaska (R), 50' Barbadillo (A)
 

CAGLIARI - SAMPDORIA: 1-0

5' Quagliozzi
 

CATANZARO - UDINESE: 1-1

39' (rig.) Edinho (U), 44' (rig.) Bivi (C)
 

FIORENTINA - NAPOLI: 1-0

56' Massaro
 

GENOA - PISA: 1-0

17' autorete Garuti (P)
 

INTER - JUVENTUS: 0-0
 

TORINO - ASCOLI: 2-0

45' Selvaggi, 86' Borghi
 

H.VERONA - CESENA: 1-1

63' Schachner (C), 69' (rig.) Penzo (H.V)
 

 

Spettatori:

20.979 paganti per un incasso di £. 176.126.000

più 9.129 abbonati per una quota di £. 93.000.000.

 

 

CLASSIFICA

 

1

Roma

19
2

HELLAS VERONA

18
3

Juventus

17
4

Inter

16
5

Udinese

14
6

Sampdoria

13
7

Cesena

13
8

Torino

13
9

Pisa

12
10

Fiorentina

12
11

Cagliari

12
12

Ascoli

11
13

Avellino

10
14

Genoa

10
15

Napoli

8
16

Catanzaro

8

 

 

La partita:

Il Verona ha attaccato per tutto il primo tempo ma si è trovato davanti un Recchi prodigioso.

 

I gol

 

0-1: Garlini lancia Schachner che siede Oddi e Tricella con due finte e deposita la palla in rete;

1-1: Ceccarelli atterra Fanna e Penzo realizza il rigore. Inoltre, Ballerini ha annullato una rete di Garlini per fuorigioco.
 

 

 

 

 

 

 

 


 

02/01/1983

 

14a giornata

 

 

ASCOLI - CESENA: 1-1

29' Buriani (C), 37' autorete Mei (C)
 

CATANZARO - AVELLINO: 1-1

2' Vignola (A), 52' Nastase (C)
 

JUVENTUS - CAGLIARI: 1-1

18' Tardelli (J), 57' Piras (C)
 

NAPOLI - H.VERONA: 1-2

15' e 52' Fanna (H.V.), 60' Pellegrini (N)
 

PISA - TORINO: 0-1

80' Selvaggi
 

ROMA - GENOA: 2-0

1' autorete Corti (G), 47' Di Bartolomei (R)
 

SAMPDORIA - FIORENTINA: 0-0
 

UDINESE - INTER: 0-0

 

 

CLASSIFICA

 

1

Roma

21
2

HELLAS VERONA

20
3

Juventus

18
4

Inter

17
5

Udinese

15
6

Torino

15
7

Sampdoria

14
8

Cesena

14
9

Fiorentina

13
10

Cagliari

13
11

Pisa

12
12

Ascoli

12
13

Genoa

12
14

Avellino

11
15

Catanzaro

9
16

Napoli

8

 

 

La partita:

Continua il momento magico dei veronesi a cui fa contraltare il coma profondo del napoli, tornato ultimo in classifica;

 

I gol

 

0-1: approfittando della confusione napoletana su un incursione di Penzo, Fanna batte Castellini;

0-2: Fanna superman dribbla tre avversari e bissa;

1-2: cross di Krol e Pellegrini di testa mette in rete.

 

 

Pagelle:
 

Garella: (6)
Oddi: (6)
Marangon: (6)
Volpati: (6)
Spinosi: (6,5)
Tricella: (7)
Fanna: (otto)
Sacchetti: (7)
Guidetti: (7)
Dirceu: (6,5)
Penzo: (6,5)

Arbitro: Menicucci, di Firenze (7)

Ammoniti: Guidetti e Fanna.

Espulsi: nessuno.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

09/01/1983

 

15a giornata

 

 

AVELLINO - UDINESE: 1-1

19' autorete Chiarenza (U), 69' Virdis (U)
 

CAGLIARI - ASCOLI: 3-1

23' Piras (C), 25' Poli (C), 41' Mandorlini (A), 50' Marchetti (C)
 

CESENA - NAPOLI: 0-0
 

FIORENTINA - PISA: 2-1

44' Passarella (F), 47' (rig.) Antognoni (F), 54' Ugolotti (P)
 

GENOA - JUVENTUS: 1-0

37' autorete Scirea
 

INTER - CATANZARO: 5-0

34' Bagni, 37' Altobelli, 49' Muller, 53' Oriali, 87' Juary
 

TORINO - ROMA: 1-1

32' Pruzzo (R), 46' Dossena (T)
 

H.VERONA - SAMPDORIA: 1-1

1' Penzo (H.V.), 62' Renica (S)

Spettatori:

26.404 paganti per un incasso di £. 193.597.000

più 9.126 abbonati per una quota di £. 94.000.000.

 

 

CLASSIFICA

 

1

Roma

22
2

HELLAS VERONA

21
3

Inter

19
4

Juventus

18
5

Udinese

16
6

Torino

16
7

Sampdoria

15
8

Cesena

15
9

Fiorentina

15
10

Cagliari

15
11

Genoa

14
12

Pisa

12
13

Ascoli

12
14

Avellino

12
15

Catanzaro

9
16

Napoli

9

 

 

La partita:

La gara segue il copione di un Verona "brasiliano" e di una Samp. utilitaristica nella ripresa.

 

I gol

 

1-0: traversone da destra di Fanna su cui si inserisce Volpati, la difesa respinge e alla fine Penzo indovina il corridioio giusto con una botta dal basso verso l'alto.

1-1: con un tiro da 35 metri, Renica sorprende Garella.

Pagelle:

Garella: (6)
Oddi: (6)
Marangon: (7)
Volpati: (6,5)
Spinosi: (6)
Tricella: (otto)
Fanna: (6)
Sacchetti: (6)
Guidetti: (7)
Dirceu: (7,5)
Penzo: (7,5)

Arbitro: Mattei, di Macerata.

Ammoniti: Bonetti e Marangon.

Espulsi: nessuno.
 

 

 

 


 

Articoli da

"L'Arena" di Verona

e

"La gazzetta dello sport"

 


 

Immagini da "Il film del campionato 1982/83"

del

GUERIN SPORTIVO

 


 

 

 

 


 

 

 

 

 

Scudetto

Campionato 1984/85

12 Maggio 1985

Curva Sud a Bergamo

Curva Sud al Bentegodi

Osvaldo Bagnoli

Squadra

Abbonamento

Protagonisti dello scudetto

Biglietto 12 maggio 1985

Biglietto 19 maggio 1985

Prime pagine

L'Arena 13-05-85

L'Arena 20-05-85

Il Veronese

Guerin sportivo

Album calciatori 1984-85

Lavagno:Piazza Scudetto

 

Storia Hellas Verona

Dati dal 1903 al 2007

Classifiche 1945 - 1954

Classifiche 1955 - 1964

Classifiche 1965 - 1974

Classifiche 1975 - 1984

Classifiche 1985 - 1994

Classifiche 1995 - 2004

Classifiche 2005 - 2014

 

Campionato

1975-1976

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Campionato

1982-1983

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Campionato

1983-1984

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Formazioni

Dal 1955 ai giorni nostri

 

Abbonamenti

Dal 1947 ai giorni nostri

 

Biglietti

1970/1971

1971/1972

1973/1974

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1978/1979

1979/1980

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1987/1988

1988/1989

1989/1990

1991/1992

1993/1994

1997/1998

1999/2000

2007/2008

2008/2009

2009/2010

Coppe europee

Coppe europee Mr. Chivers

Speciali 2000

Trasferte "a Chievo"

 

Protagonisti gialloblu

Osvaldo Bagnoli

Gianfranco Zigoni

Preben Larsen Elkjaer

José Guimaraes Dirceu

 

Rassegna stampa

Derby serie A

H.V. - Stella Rossa

Stella Rossa - H.V.

H.V. - Sturm Graz

H. V. - Paok Salonicco

Paok Salonicco - H.V.

H. V. - Utrecht

 

Cori gialloblu

Testi

Audio

 

Striscioni

Ciao Butei

Striscioni vari

Striscioni Dirceu

Pastorello Day

 

Gemellaggi

Soli contro tutti

1 Febbraio 1987

Adesivi gialloblu

Pubblicazioni

Copertine GS

GS: bomba allo stadio

Annus Horribilis