Curva Sud

1971/1972

1973/1974

1974/1975

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1978/1979

1979/1980

1980/1981

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1989/1990

1990/1994

1995/1999

2000/2001

2001/2002

2002/2003

2003/2004

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

Curva Sud 25° scudetto

 

Curva Sud trasferta

1971/1972

1973/1974

1974/1975

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1979/1980

1980/1981

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1988/1989

1989/1990

1990/1991

1991/1992

1992/1993

1993/1994

1994/1995

1995/1996

1996/1997

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

2008/2009

Curva Sud in Europa

Curva Sud a Vicenza

 

Butei al Bentegodi

1982/1983

1984/1985

1985/1986

2002/2003

2004/2005

2006/2007

2007/2008

2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

2014/2015

 

Butei in trasferta

1981/1982

1992/1993

2000/2001

2002/2003

2003/2004

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

2014/2015

 

Videotube gialloblu

Video Brigate Gialloblu

Video Hellas Army

Video scudetto

Video passione infinita

Video Curva Sud

Video trasferte

Video Butei

Video partite

Video Conte Arvedi

Video by Primoluglio

Video by Elkyaer

Video by MrAnyflash

Sumbu Brothers & 1903

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica 2 novembre 2008

 

Stadio "Mecchia"

 

Portogruaro - Hellas Verona 0 - 0

 


 

 


 

Butei a Portogruaro

 

La zanzara

 

La gente vuol sapere

 

Vee roo naa

 

Alè forza Verona alè

 

Willy Da Silva

 

Hellas

 

Stan arrivando

 

Tu sei il Verona

 

I gialloblu

 

Aprite le porte

 

Da Silva è l'asinel

 

65' sostituzione di Da Silva

 

Je je je je je je Jesolo

 

Caorle

 

Trieste

 

E adesso fora i cojoni

 

Io credo risorgerò 1

 

Io credo risorgerò 2

 

Io credo risorgerò 3

 

I Butei rifiutano il saluto dei giocatori

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 


 

 


 

 


 

 


 

La cronaca della partita a cura di www.hellasverona.it

 


 

Terzo pareggio consecutivo per la squadra gialloblù,

solo un punto al "Mecchia

 

PORTOGRUARO – Nella decima giornata di campionato Gian Marco Remondina conferma la formazione di iniziale schierata contro il Lecco, con Bergamelli al fianco di Ceccarelli sulla linea difensiva, e Parolo dietro la coppia d’attacco Scapini-Tiboni. Domenicali si affida in avanti all’ex gialloblù William Da Silva, supportato dal Abate-Cunico-Mortelliti.

 

All’11’ triangolazione Cardin-Da Silva-Mortelliti con quest’ultimo che riceve palla e scocca il tiro da appena dentro l’area, conclusione abbondantemente alta. Al quarto d’ora Corrent serve con un passaggio filtrante Scapini, l’attaccante tocca appena la sfera, intervento provvidenziale in uscita del portiere Rossi.

 

Occasionissima per i padroni di casa al minuto 44: Mortelliti, imbeccato sul filo del fuorigioco da un compagno, arriva a tu per tu con Rafael, ma una volta allargatosi sulla destra manca clamorosamente lo specchio della porta. Un minuto a dopo punizione dal limite dell’area di Corrent, palla alta sopra la traversa.

 

In apertura di secondo tempo Abate riceve palla dalla destra e scocca il tiro di prima intenzione, Rafael blocca in presa. Punizione dalla trequarti di Scozzarella al 78’, Madaschi stacca di testa, palla a lato. La squadra scaligera risponde con Parolo, che servito da Scapini al limite dell’area prova verso l’incrocio dei pali, senza fortuna.

 

La sfida termina dopo tre minuti di recupero, terzo pareggio consecutivo per i gialloblù, ancora una volta a reti inviolate.  

  

Il tabellino

PORTOGRUARO SUMMAGA - HELLAS VERONA F.C. 0-0 (0-0)

Reti: -

PORTOGRUARO SUMMAGA
Rossi; Cardin, Montero, Madaschi, Gotti; Mattielig, Cherubini (85’ Peana); Abate, Cunico, Mortelliti; Da Silva (65’ Scozzarella). (Marcato, Specchia, Lazzarini, Brilla, Canciani) All. Domenicali

HELLAS VERONA F.C.
Rafael; Mancinelli (88’ Campagna), Ceccarelli, Bergamelli, Moracci; Garzon, Bellavista, Corrent; Parolo (81’ Anaclerio); Scapini, Tiboni (69’ Girardi). (Franzese, Conti, Loseto, Campisi) All. Remondina

Arbitro: Ruini di Reggio Emilia

Assistenti: Griffa, Iori

Ammoniti: Garzon, Madaschi, Ceccarelli

Espulsi: -

Recupero: 2’ - 3’

Spettatori: 2.000 circa 

 


 

Commento dal giornale "L'Arena"

 

www.larena.it

 


 

 

 

Verona opaco
si accontenta
del punticino
di Luca Mantovani

 

Una tristezza, una vera tristezza. Brutto il primo tempo, bruttissimo il secondo. L’Hellas porta a casa un punticino anche dal Mecchia, ma il terzo 0-0 consecutivo dei gialloblù conferma i problemi di una squadra che dimentica l’ABC del gioco offensivo quando si affaccia in area avversaria. Alla decima giornata d’andata, quando il campionato si avvicina a un terzo del cammino, si possono trarre i primi bilanci e il Verona non può certo essere contento di quello che ha fatto finora. Bene nelle prime tre giornate poi un calo incredibile, quattro punti nelle ultime sette partite, la vittoria che manca da più di un mese e mezzo.
E, tutto sommato, la classifica è ancora decente visto che il girone A della Lega Pro Prima Divisione è sicuramente livellato verso il basso, dalla prima all’ultima della classe ci sono 12 punti, bastano una vittoria o una sconfitta per conquistare o perdere posizioni importanti. Dominano i pareggi, è vero, è il Verona è diventato uno specialista in questo risultato.
Non cambia il registro anche a Portogruaro. Remondina dà continuità al modulo e ai giocatori che sono scesi in campo nelle ultime gare, la formazione che parte titolare è la stessa di quella che ha iniziato la sfida con il Lecco. Ceccarelli e Bergamelli ancora al centro della difesa, Mancinelli e Moracci sulla fasce, Bellavista in regia, Garzon e Corrent a sostegno, Tiboni e Scapini in avanti, Parolo è il fantasista che cerca spazio tra le due linee.
Ci sono tutti i presupposti per fare bene, per dare continuità a quanto di buono si era visto nella ripresa con il Lecco.
Non è così. Passano pochi minuti e si capisce che il Verona va subito in difficoltà. Il Portosummaga deve rinunciare a otto giocatori titolari per infortuni e squalifiche ma si affida a capitan Cunico - che gioca anche se la pubalgia lo perseguita dall’inizio della stagione - e manda in mezzo al campo Willy Da Silva, l’ex attaccante gialloblù che non ha lasciato un buon ricordo in riva all’Adige.
Il terreno da gioco non è dei migliori, il campo stretto, i padroni di casa alzano subito il ritmo e si lanciano su tutti i palloni. Non creano nulla per carità, ma Corrent e compagni si limitano a frenare le offensive avversarie, non trovano mai il tempo giusto per ripartire e costruire qualcosa di buono. Regge bene la difesa, gli automatismi tra Ceccarelli e Bergamelli funzionano a meraviglia e Da Silva finisce in trappola.
Il primo brivido al 7’. Cross di Cardin, Da Silva non tocca la palla, sulla sinistra arriva Gotti che batte al volo, fuori di poco.
Il pericolo scuote il Verona, dopo una manciata di minuti Bellavista pesca in area Tiboni, buono l’aggancio, Cardin riesce a contrastare l’attaccante gialloblù a due passi dal portiere. Passano una manciata di secondi e l’Hellas batte un altro colpo, perfetto il passaggio di Corrent per Scapini, tocco di destro da pochi passi, Rossi neutralizza l’insidia.
La gara si spegne, domina l’agonismo, mille batti e ribatti in mezzo al campo, tanti passaggi sbagliati, una confusione incredibile. La sfida si accende alla fine del tempo. Al 43’ palla dentro di Abate per Mortelliti, l’attaccante del Porto scatta sul filo del fuorigioco, è solo davanti il portiere, bravissimo Rafael a chiudere lo spazio, il tiro finisce sull’esterno della rete. Ancora un pericolo in pieno recupero. Mattielig vince un rimpallo al limite, s’infila tra un paio di difensori gialloblù e si presenta solo davanti al portiere, grande salvataggio di Bergamelli che mette in angolo.
Ti aspetti una ripresa con il Verona all’assalto, non è così. Parte meglio il Portosummaga, al 3’Abate salta Mancinelli sulla linea di fondo e batte in porta, tiro a effetto che finisce fuori. I gialloblù si adattano, resta solo un corner di Corrent che Scapini calcia altissimo. Tutto qua, la partita non decolla, gli sbadigli si sprecano. L’Hellas si limita a una buona azione intorno alla mezzora, Corrent libera Parolo al limite dell’area, l’occasione è buona, il tiro da dimenticare.
Remondina prova a cambiare qualcosa in avanti, sostituisce Tiboni con Girardi, poi getta dentro Anaclerio al posto di Parolo. La storia è sempre la stessa, il Portosummaga si difende con ordine e prova a ripartire con rapidità, l’Hellas non ha più la forza di reagire. L’ultimo sussulto in pieno recupero. Punizione di Anaclerio dalla trequarti, Ceccarelli cerca la girata contrastato da Abate, Rossi para senza difficoltà. Finisce 0-0, è giusto così, ma l’Hellas ha ancora tanto lavoro da fare per tornare sulla retta via.
 

 


 

 

Ringrazio per la collaborazione

ROX e DUI

MANALAND del gruppo Hellas /=\ Milano

 

Un ringraziamento particolare

a

VINICIO autore delle foto frontali dei Butei

ed a

CECE delle Furie Granata del Portogruaro che me le ha inviate

 

Per sempre Hellas!

 


 

 

 

 


 

 

 

 

Scudetto

Campionato 1984/85

12 Maggio 1985

Curva Sud a Bergamo

Curva Sud al Bentegodi

Osvaldo Bagnoli

Squadra

Abbonamento

Protagonisti dello scudetto

Biglietto 12 maggio 1985

Biglietto 19 maggio 1985

Prime pagine

L'Arena 13-05-85

L'Arena 20-05-85

Il Veronese

Guerin sportivo

Album calciatori 1984-85

Lavagno:Piazza Scudetto

 

Storia Hellas Verona

Dati dal 1903 al 2007

Classifiche 1945 - 1954

Classifiche 1955 - 1964

Classifiche 1965 - 1974

Classifiche 1975 - 1984

Classifiche 1985 - 1994

Classifiche 1995 - 2004

Classifiche 2005 - 2014

 

Campionato

1975-1976

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Campionato

1982-1983

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Campionato

1983-1984

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Formazioni

Dal 1955 ai giorni nostri

 

Abbonamenti

Dal 1947 ai giorni nostri

 

Biglietti

1970/1971

1971/1972

1973/1974

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1978/1979

1979/1980

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1987/1988

1988/1989

1989/1990

1991/1992

1993/1994

1997/1998

1999/2000

2007/2008

2008/2009

2009/2010

Coppe europee

Coppe europee Mr. Chivers

Speciali 2000

Trasferte "a Chievo"

 

Protagonisti gialloblu

Osvaldo Bagnoli

Gianfranco Zigoni

Preben Larsen Elkjaer

José Guimaraes Dirceu

 

Rassegna stampa

Derby serie A

H.V. - Stella Rossa

Stella Rossa - H.V.

H.V. - Sturm Graz

H. V. - Paok Salonicco

Paok Salonicco - H.V.

H. V. - Utrecht

 

Cori gialloblu

Testi

Audio

 

Striscioni

Ciao Butei

Striscioni vari

Striscioni Dirceu

Pastorello Day

 

Gemellaggi

Soli contro tutti

1 Febbraio 1987

Adesivi gialloblu

Pubblicazioni

Copertine GS

GS: bomba allo stadio

Annus Horribilis