Curva Sud

1971/1972

1973/1974

1974/1975

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1978/1979

1979/1980

1980/1981

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1989/1990

1990/1994

1995/1999

2000/2001

2001/2002

2002/2003

2003/2004

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

Curva Sud 25° scudetto

 

Curva Sud trasferta

1971/1972

1973/1974

1974/1975

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1979/1980

1980/1981

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1988/1989

1989/1990

1990/1991

1991/1992

1992/1993

1993/1994

1994/1995

1995/1996

1996/1997

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

2008/2009

Curva Sud in Europa

Curva Sud a Vicenza

 

Butei al Bentegodi

1982/1983

1984/1985

1985/1986

2002/2003

2004/2005

2006/2007

2007/2008

2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

2014/2015

 

Butei in trasferta

1981/1982

1992/1993

2000/2001

2002/2003

2003/2004

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

2014/2015

 

Videotube gialloblu

Video Brigate Gialloblu

Video Hellas Army

Video scudetto

Video passione infinita

Video Curva Sud

Video trasferte

Video Butei

Video partite

Video Conte Arvedi

Video by Primoluglio

Video by Elkyaer

Video by MrAnyflash

Sumbu Brothers & 1903

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica 21 dicembre 2008

 

Stadio "Dino Manuzzi"

 

Cesena - Hellas Verona 2 - 1

 


 

 


 

 


 

 


 

Butei a Cesena

 

La gente vuol sapere 1

 

I colori gialloblu

 

Stan arrivando

 

Vee roo naa

 

Cesena, Cesena va...

 

M...siete e m... resterete

 

Sentite i cesenati?

 

Hellas Verona AC

 

Gialloblu, gialloblu

 

Questa è la legge gialloblu

 

La gente vuol sapere 2

 

Buon Natale gialloblu

 

Whatever Will Be, Will Be

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 

Orrore... meglio una buona birra!

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

 


 

Grazie a ROX per la collaborazione

 


 

Classifiche e risultati

 

 

SQUADRE PT TOTALE

RETI

G V N P F S DIF
PRO PATRIA 33 17 10 3 4 29 14 15
SPAL 29 17 7 8 2 21 12 9
CESENA 28 17 8 4 5 23 16 7
NOVARA 28 17 7 7 3 22 16 6
REGGIANA 27 17 7 6 4 18 19 -1
PADOVA 26 17 7 5 5 22 19 3
CREMONESE 23 17 6 5 6 21 19 2
VERONA 23 17 5 8 4 18 17 1
PRO SESTO 22 17 5 7 5 17 21 -4
LUMEZZANE 21 17 4 9 4 19 16 3
PERGOCREMA 19 17 3 10 4 12 14 -2
RAVENNA 19 17 4 7 6 18 23 -5
MONZA 19 17 4 7 6 20 26 -6
PORTOGRUARO S. 19 17 5 4 8 17 25 -8
LEGNANO 17 17 4 5 8 20 27 -7
VENEZIA (-2) 16 17 4 6 7 19 18 1
SAMBENDETTESE 16 17 4 4 9 11 21 -10
LECCO 15 17 2 9 8 14 18 -4

 

17^ GIORNATA - 21/12/08

CESENA VERONA 2-1
LECCO PORTOGRUARO S. 1-2
LEGNANO RAVENNA 1-1
MONZA LUMEZZANE 2-3
NOVARA CREMONESE 1-1
PERGOCREMA SPAL 0-0
PRO PATRIA PADOVA 2-1
REGGIANA SAMBENEDETTESE 1-0
VENEZIA PRO SESTO 1-2

 

 CANNONIERI

MOTTA (Cesena) 10
TORRI (Monza) 9
CORREA (Pro Patria) 9
ARMA (Spal) 8
ZIZZARI (Ravenna) 7
TIBONI (Verona) 7
RABITO (Padova) 7
FOFANA (Pro Patria) 7

 


 

La cronaca della partita a cura di www.hellasverona.it

 


 

Vantaggio gialloblù al 13' con Scapini,

Motta e Cusaro ribaltano il risultato

 

 

 

 

CESENA - Nell’ultima gara del 2008 di Remondina cercano la prima vittoria esterna della stagione. Al "Manuzzi" il tecnico lombardo rilancia Corrent dall’inizio al posto di Campisi, confermando il trio offensivo Parolo-Tiboni-Scapini. Bisoli, costretto a rinunciare all’ex di turno Dario Biasi, schiera Giaccherini alle spalle di Motta e Veronese.

 

Cross dalla destra di Giaccherini per Veronese al 2’, l’incornata della punta scuola Inter termina a lato. Al 4’ Parolo serve Tiboni in posizione defilata, centro per Corrent che raccoglie palla e prova il destro deviato in corner dalla difesa.

 

Punizione dal lato sinistro della trequarti di Corrent al 10’ per Conti, il colpo di testa è debole e Ravaglia blocca. Scaligeri in vantaggio tre minuti dopo: Garzon imbecca Tiboni sulla destra, il centravanti di Desenzano crossa al centro, Scapini approfitta della mancata respinta bianconera per mettere dentro di testa da pochi passi. 

 

Al 22’ ancora Tiboni in contropiede converge verso il centro e serve l’accorrente Scapini, conclusione che finisce tra le braccia di Ravaglia. Gioco di gambe di Parolo sulla sinistra al 28’, Tiboni apre per Garzon, botta da fuori area del centrocampista bloccata a terra dall’estremo difensore romagnolo.

 

Giaccherini scocca il destro dai trenta metri al 32’, Rafael controlla la sfera finire sul fondo. Al 35’ punizione scodellata di Corrent, Conti e Scapini si ostacolano a vicenda nel concludere: la sfera sfiora il palo alla destra di Ravaglia. Destro di Motta al 43’ da distanza ravvicinata, Rafael manda in calcio d’angolo. Al terzo minuto di recupero pareggio dei padroni di casa: Giaccherini dalla sinistra trova Motta che al volo batte Rafael sul palo lontano.

 

Pronti-via ed il Cesena va vicino al raddoppio ancora con Motta, che si libera con un doppio passo in area di rigore e di destro colpisce il palo. Sulla respinta prova Giaccherini, Conti neutralizza sulla linea. Traversone di Moracci al 55’ smorzato da Tiboni, Bellavista colpisce al volo senza inquadrare lo specchio della porta.

 

Rete annullata alla formazione bianconera al 61’: discesa di Ceccarelli sulla destra, tiro-cross rasoterra raccolto da Sacilotto e messo in fondo al sacco in posizione irregolare. L’Hellas risponde con Moracci sull’azione seguente, sinistro potente dai trenta metri deviato in corner da Lauro con la schiena.

 

Al 73’ Motta colpisce di destro da fuori area, palla che sbatte sulla parte interna della traversa e sulla riga di porta, l’arbitro lascia correre. E’ il preludio al 2-1 che arriva un minuto dopo: centro di Veronese dalla sinistra per Cusaro, che si gira in area e supera Rafael con un diagonale.

 

La gara termina dopo cinque minuti di recupero, la striscia positiva dei gialloblù si ferma a quota nove.

 

 Il tabellino

A.C. CESENA - HELLAS VERONA F.C. 2-1 (1-1)

Reti: 13’ Scapini, 48’ pt Motta; 74’ Cusaro

A.C. CESENA
Ravaglia; Ceccarelli, Cusaro, Lauro, Biserni; Segarelli (85’ Ricci), De Feudis, Sacilotto; Giaccherini (62’ Chiavarini); Motta, Veronese (77’ Bonura). (Tardioli, Rossi, Djuric, Ferretti) All. Bisoli

HELLAS VERONA F.C.
Rafael; Campagna, Ceccarelli, Conti, Moracci; Garzon, Bellavista, Corrent (62’ Campisi); Parolo; Tiboni (74’ Gomez), Scapini (67’ Girardi). (Franzese, Loseto, Anaclerio, Da Dalt) All. Remondina

Arbitro: Carbone di Napoli

Assistenti: Surano, Casale

Ammoniti: Lauro, Scapini, Ceccarelli (C), De Feudis

Espulsi: Remondina e Bisoli al 48’ pt

Recupero: 3’ - 5’

Spettatori: 7.494

 


 

Commento dal giornale "L'Arena"

 

www.larena.it

 


 

 

 

 

DRAMMA NEL CALCIO.

Il patron dell’Hellas stava rientrando a casa da Cesena.

È stato tamponato sulla A22


Scontro in autostrada
Arvedi è in coma

di

Alessandra Vaccari

 

La Mercedes su cui viaggiava,

ferma in corsia d’emergenza perché in panne,

centrata da un’altra auto a forte velocità

 

Piero Arvedi è ricoverato in ospedale a Mantova. Gravissimo.
Il contestato e idolatrato, tanto osannato prima, quanto criticato dopo, proprietario dell’Hellas Verona da ieri sera è nel reparto di rianimazione dell’ospedale Carlo Poma di Mantova dopo un incidente stradale avvenuto sull’autostrada del Brennero a un chilometro da Mantova Nord, mentre «el Piero» come tutti lo chiamano, stava rientrando da Cesena dove il Verona aveva disputato una buona partita, nonostante il risultato sfavorevole per 2-1.
Arvedi era al volante di una Mercedes, un’auto sostitutiva che gli era stata data perchè la sua Alfa 155 era in panne. Ama guidare Piero perchè sostiene che così facendo non soffre il mal di auto. Per questo non ha mai voluto un autista. Per questo nonostante i suoi acciacchi, i suoi bypass, i suoi 79 anni compiuti il 28 maggio, è sempre lui a guidare avanti e indietro da un posto all’altro dell’Italia, piuttosto che verso la Serbia dove ha ancora numerose attività commerciali. Spesso chiede ad amici di fargli compagnia, altre volte preferisce stare da solo. Soprattutto ultimamente, soprattutto adesso che questa faccenda dell’Hellas l’aveva ormai sfiancato. A questa partita poi è stato indeciso fino all’ultimo se andare o meno. Iniziava a essere un pochino stanco. L’ha dimostrato anche alla cena di martedì quando tra un discorso e l’altro s’è spesso commosso durante i tradizionali auguri di Natale nella sua villa a Cavalcaselle, in via Palazzo.
Erano le 18.50 di ieri quando il proprietario dell’Hellas, stava percorrendo l’autostrada del Brennero in direzione Nord e al chilometro 257+409. Stava tornando a casa ed è stato tamponato. Piero Arvedi è rimasto senza benzina in quell’auto che non conosceva perchè non era la sua. Per questo avrebbe arrestato l’auto sulla corsia di emergenza, con le quattro frecce accese. In attesa di poter chiamare i soccorsi aveva anche avvertito il direttore sportivo Riccardo Prisciantelli. Dietro all’auto in sosta di Arvedi è arrivata una vecchia Lancia Thema condotta da un polacco residente a Bologna che non s’è accorto di quell’ostacolo. Eppure la visibilità, secondo quanto accertato dalla polstrada era buona. Il polacco, rimastoa sua volta ferito, è finito a tutta velocità contro la Mercedes. Arvedi ha riportato un grave trauma cranico, ha sangue nei polmoni, un problema allo sterno. Forse al momento dell’impatto non aveva le cinture allacciate. Quando le ambulanze di Mantova sono arrivate sul posto, Piero era privo di conoscenza. Non respirava e per questo si temono danni irreversibili al cervello. Secondo quanto riferito dai medici ieri sera, Arvedi non era operabile, non trasportabile in coma. È stato subito intubato e portato al Poma, qui sottoposto a una tomografia assiale computerizzata e poi trasferito in rianimazione. Sulla prognosi i medici non si sbilanciano. Il quadro clinico di Arvedi è già complicato di suo per tutta una serie di patologie per cui Piero si stava curando da anni. Lui che si ritiene già un «miracolato», perchè trent’anni fa aveva rischiato di morire di infarto. All’epoca aveva fatto un voto: se ce l’avesse fatta avrebbe fondato la sezione degli alpini di Cavalcaselle. E così fece. Un tempo le parole le manteneva con più puntualità di oggi, «il Piero». Gliene attribuiva un valore maggiore.

 

 

 

LA MALEDIZIONE.

 

Sull’Autobrennero rischiò di perdere la vita anche l’allenatore Malesani


Con l’auto nell’Adige
Nel 1994 morì Mazzi

 

 

 

Ai tifosi dell’Hellas il grave incidente stradale in cui è rimasto coinvolto il presidente del Verona, Piero Arvedi, ha subito riportato alla memoria la tragedia del 28 ottobre 1994, quando l’imprenditore Eros Mazzi, di 69 anni, perse la vita precipitando in Adige con la sua Audi 100 mentre stava andando a visitare un cantiere.
Mazzi stava percorrendo lungadige Attiraglio in direzione di Parona. All’altezza della diga del Chievo, il presidente del Verona perse il controllo della vettura che dopo aver divelto due paracarri a lato della strada, dopo un tragico volo dalla scarpata si sprofondò in acqua. I primi a tentare di salvarlo furono due agenti delle Volanti accorsi sul posto e che, a causa delle acque gelide, dovettero a loro volta essere ricoverati in ospedale per un principio di assideramento. Per recuperare il suo corpo i vigili del fuoco impiegarono due ore.
Sull’autobrennero, tra Nogarole Rocca e Vigasio, vide la morte in faccia anche Alberto Malesani, allora allenatore del Parma, dopo aver guidato il Chievo. L’11 novembre 2000 uscì di strada con la sua Toyota Land cruiser, forse a causa di una distrazione. A salvarlo fu l’airbag. Se la cavò con un grosso spavento.
Prima di Mazzi, a perdere tragicamente la vita fu uno dei presidenti più amati della storia gialloblù. Saverio Garonzi morì a 75 anni il 25 marzo 1986, cadendo dal tetto della sua concessionaria Fiat di corso Milano.

 

 

I RETROSCENA.

 

La squadra è passata pochi istanti dopo l’incidente.

Il primo ad arrivare all’ospedale è stato il deputato Giampaolo Fogliardi,

amico di vecchia data


Il pullman dei gialloblù in fila dopo il botto
Ma nessuno capisce che il ferito è il conte

 

Fabiana Marcolini
MANTOVA


«Gravi»: così i sanitari del Carlo Poma di Mantova definiscono le condizioni del conte Piero Arvedi. A tarda sera, dopo un consulto con il dottor Antonio Michelon, radiologo all’ospedale di Bussolengo, congiunto di Arvedi e due medici dello staff sanitario dell’Hellas, si è deciso di non trasferirlo - come era invece stato ipotizzato in un primo momento - in neurochirurgia a Borgo Trento. Il quadro clinico è talmente precario da sconsigliare qualunque manovra.
IL PULLMAN DELLA SQUADRA. Con il passare delle ore, ieri notte, si apprendevano ulteriori particolari dell’incidente. Il conte Arvedi era stato tra i primi a lasciare, sconsolato, lo stadio di Cesena. In auto seguiva a ruota la vettura del ds gialloblù, Prisciantelli. Alle loro spalle, distanziati di un paio di chilometri, il pullman sul quale viaggiava la squadra, seguito dalle vetture dei tifosi gialloblù. Pullman e macchine, alle porte di Mantova, si sono ritrovati imbottigliati nella fila conseguente all’incidente e tutti hanno gettato l’occhio sulla Mercedes ammaccata. Nessuno, però, ha collegato quella macchina al conte, che di solito si muove con l’inseparabile Alfa 155.
ALL’OSPEDALE. Giampaolo Fogliardi è stato il primo a correre al capezzale dell’amico Piero Arvedi, all’ospedale di Mantova. Il pensiero del deputato del Pd, nell’apprendere al telefono dalla segretaria di Arvedi, Marisa, quanto era accaduto sull’Autobrennero, è subito andato alla serata di sabato, alla cena consumata proprio in compagnia del patron dell’Hellas Verona.
«Un carissimo amico», dice Fogliardi, «che conosco sin da quando ero ragazzo. Io di Castelnuovo, lui di Cavalcaselle, separati da un tiro di schioppo. Ci lega un rapporto veramente speciale. Abbiamo parlato del più e del meno, ma soprattutto dell’Hellas, il suo tormentato amore. Le vicende degli ultimi giorni lo hanno segnato, l’altra sera l’ho visto proprio stressato».
Anche per questo motivo nel momento di salutarsi, verso le 23, Fogliardi lo aveva messo in guardia. «Conte, non vorrai mica andare in auto da solo a Cesena?». Ma nemmeno le sue parole affettuose lo avevano fatto desistere. «Ghe vo, non posso mancare», le ultime parole del conte, ricorda Fogliardi.
IL MEDICO. Al Poma verso le 21 è arrivato il dottor Roberto Filippini, responsabile dello staff medico dell’Hellas, l’unico ammesso dai sanitari all’interno del pronto soccorso. Poi è giunto trafelato Stefano Cesari, già assessore comunale, anche lui amico da anni di Arvedi.
Poi anche alcuni poliziotti della Digos, visto che comunque l’incidente ha coinvolto un dirigente di una squadra di calcio molto vivace.

 

 

 

 

L’Hellas
dal sorriso
al pianto

 

Il Verona va in vantaggio all’11 con Scapini ma allo scadere del primo

Motta pareggia Al 29 ’ st Lauro fulmina Rafael con una girata

 

di Luca Mantovani

 

CESENA
«Buon Natale, Buon Natale, Buon Natale gialloblù...», cantano i ragazzi dell’Hellas a fine partita. Un migliaio di fedelissimi hanno accompagnato Corrent e compagni in Romagna per sostenerli anche nell’ultima fatica del 2008 e la sconfitta di Cesena non scalfisce il feeling che si è stabilito tra la squadra e i tifosi.
Brucia il risultato finale, non la prestazione. Un buon Verona tiene testa agli avversari con personalità e coraggio, regala anche sprazzi di buon calcio quando ferma il Cesena e rovescia l’azione offensiva. I padroni di casa si presentano con un modulo speculare ai gialloblù, quattro difensori in linea davanti al giovanissimo Ravaglia, tre centrocampisti — De Feudis in regia, Segarelli e Sacilotto a sostegno — due punte del calibro di Motta e Veronese con il rapidissimo Giaccherini a sostegno.
Remondina non cambia registro rispetto alle ultime gare. C’è ancora Campagna al posto di Mancinelli, l’unica sorpresa in mezzo al campo, Corrent ritrova la maglia da titolare e la fascia da capitano, Campisi si siede in panchina.
Una bella partita, lo si capisce fin dalle prime battute. Il Cesena si getta all’assalto, l’Hellas chiude bene e riparte in contropiede. Giaccherini è l’uomo in più dei padroni di casa, è rapidissimo, gioca tra centrocampo e attacco, cerca spazio sulle fasce, Veronese e Motta sono i suoi punti di riferimento.
La difesa gialloblù regge, Bellavista cattura mille palloni, Parolo è una spina nel fianco del reparto arretrato avversario. È meno veloce di Giaccherini, ma ha classe e fisico e la fantasia non manca. Al 3’ innesta il contropiede di Tiboni, pronto il cross, Corrent arriva sul secondo palo e prova la botta. La palla schizza sulla schiena di un avversario e finisce in angolo. Tre minuti dopo ancora Parolo, se ne va tutto solo per vie centrali, Lauro ferma l’azione con un fallo di mano, l’arbitro fischia la punizione e ammonisce il difensore cesenate. Ci potrebbe stare anche il rosso.
Il Verona è padrone del campo, all’11’ passa in vantaggio. Splendida azione in contropiede, Garzon lancia Tiboni sulla fascia, perfetto il cross, colpo di testa di Scapini e palla in rete. Cesena in tilt, Hellas superlativo. Corrent e compagni giocano un bel calcio, ma hanno la grave colpa di non chiudere la partita. Come al 20’. Tiboni fa 50 metri palla al piede, si porta a spasso mezza difesa romagnola, arriva al limite dell’area e preferisce servire Scapini senza vedere lo scatto di Bellavista in area, il tiro dell’attaccante è troppo debole, Ravaglia para.
Il Cesena reagisce prima con Lauro e poi con Motta ma, intorno alla mezz’ora, il Verona può chiudere la partita. Punizione di Corrent dalla fascia sinistra, una fotocopia dell’assist di una settimana fa per Gomez, Scapini e Conti sono soli a due passi da Ravaglia, si ostacolano, l’attaccante tocca con il tacco, un difensore bianconero mette in angolo.
Gli animi si scaldano, Bisoli è un forsennato in panchina e manda la squadra all’assalto. I cesenati sembrano indemoniati, vanno vicino al gol con Motta al 40’, pareggiano in pieno recupero, a pochi secondi dalla fine del tempo. Grande giocata di Giaccherini a sinistra, palla dentro, sul secondo palo spunta Motta, il suo destro non perdona Rafael. Non c’è nemmeno il tempo di mettere la palla al centro, tutti negli spogliatoi. Un’indecisione che il Verona paga a caro prezzo.
I padroni di casa tornano in campo nella ripresa con atteggiamento diverso. Il Cesena manda in campo anche Chiavarini al posto di Giaccherini, il Verona si oppone con Girardi e Campisi al posto di Scapini e Corrent, ma questa volta le sostituzioni non portano frutti. Anzi, sono proprio i padroni di casa a sfiorare il vantaggio.
Prima va in gol con Sacilotto, ma l’arbitro annulla per un sospetto fuorigioco, poi colpisce la traversa con Motta che fa partire un gran destro dal limite, la palla sbatte per terra, i cesenati dicono che ha superato la linea, l’arbitro fa proseguire.
La rete è nell’aria, arriva dopo una manciata di secondi. Segarelli lavora un buon pallone sulla sinistra, dormita colossale della retroguardia gialloblù, palla in mezzo, Lauro è solo in area, stoppa e si gira in area. Il sinistro fulmina Rafael. Gioia bianconera sotto la curva occupata dai tifosi del Verona. Bruni, in panchina al posto di Remondina espulso alla fine del primo tempo, manda in campo Gomez per Tiboni, ma questa volta la mossa non porta il pari. Si chiude in Romagna la striscia positiva del Verona.
 

 


 

 

 

 


 

 

 

 

Scudetto

Campionato 1984/85

12 Maggio 1985

Curva Sud a Bergamo

Curva Sud al Bentegodi

Osvaldo Bagnoli

Squadra

Abbonamento

Protagonisti dello scudetto

Biglietto 12 maggio 1985

Biglietto 19 maggio 1985

Prime pagine

L'Arena 13-05-85

L'Arena 20-05-85

Il Veronese

Guerin sportivo

Album calciatori 1984-85

Lavagno:Piazza Scudetto

 

Storia Hellas Verona

Dati dal 1903 al 2007

Classifiche 1945 - 1954

Classifiche 1955 - 1964

Classifiche 1965 - 1974

Classifiche 1975 - 1984

Classifiche 1985 - 1994

Classifiche 1995 - 2004

Classifiche 2005 - 2014

 

Campionato

1975-1976

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Campionato

1982-1983

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Campionato

1983-1984

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Formazioni

Dal 1955 ai giorni nostri

 

Abbonamenti

Dal 1947 ai giorni nostri

 

Biglietti

1970/1971

1971/1972

1973/1974

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1978/1979

1979/1980

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1987/1988

1988/1989

1989/1990

1991/1992

1993/1994

1997/1998

1999/2000

2007/2008

2008/2009

2009/2010

Coppe europee

Coppe europee Mr. Chivers

Speciali 2000

Trasferte "a Chievo"

 

Protagonisti gialloblu

Osvaldo Bagnoli

Gianfranco Zigoni

Preben Larsen Elkjaer

José Guimaraes Dirceu

 

Rassegna stampa

Derby serie A

H.V. - Stella Rossa

Stella Rossa - H.V.

H.V. - Sturm Graz

H. V. - Paok Salonicco

Paok Salonicco - H.V.

H. V. - Utrecht

 

Cori gialloblu

Testi

Audio

 

Striscioni

Ciao Butei

Striscioni vari

Striscioni Dirceu

Pastorello Day

 

Gemellaggi

Soli contro tutti

1 Febbraio 1987

Adesivi gialloblu

Pubblicazioni

Copertine GS

GS: bomba allo stadio

Annus Horribilis