Curva Sud

1971/1972

1973/1974

1974/1975

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1978/1979

1979/1980

1980/1981

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1989/1990

1990/1994

1995/1999

2000/2001

2001/2002

2002/2003

2003/2004

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

Curva Sud 25° scudetto

 

Curva Sud trasferta

1971/1972

1973/1974

1974/1975

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1979/1980

1980/1981

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1988/1989

1989/1990

1990/1991

1991/1992

1992/1993

1993/1994

1994/1995

1995/1996

1996/1997

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

2008/2009

Curva Sud in Europa

Curva Sud a Vicenza

 

Butei al Bentegodi

1982/1983

1984/1985

1985/1986

2002/2003

2004/2005

2006/2007

2007/2008

2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

2014/2015

 

Butei in trasferta

1981/1982

1992/1993

2000/2001

2002/2003

2003/2004

2004/2005

2005/2006

2006/2007

2007/2008

2008/2009

2009/2010

2010/2011

2011/2012

2012/2013

2013/2014

2014/2015

 

Videotube gialloblu

Video Brigate Gialloblu

Video Hellas Army

Video scudetto

Video passione infinita

Video Curva Sud

Video trasferte

Video Butei

Video partite

Video Conte Arvedi

Video by Primoluglio

Video by Elkyaer

Video by MrAnyflash

Sumbu Brothers & 1903

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Biglietti di Mister Chivers che, forse uno dei pochi,
ha avuto la fortuna ed il merito di partecipare a tutte le trasferte
del nostro Hellas in Europa rimanendo oltretutto imbattuto!

 


 

 

 

Il 2 a 3 sul tabellone del Marakana squarcia il buio della notte di Belgrado

 


 

La partita di Belgrado

nel ricordo di Chivers

 

Il racconto della partita non è sicuramente lucido e forse qualche episodio non è messo nel giusto ordine però ancora oggi a quasi 25 anni di distanza la ricordo come la partita più significativa della mia storia di tifoso del Verona Hellas.

 

Mi ricordo che l'inizio è stato piuttosto tranquillo, i primi 10/15 minuti ci ha visti manovrare abbastanza in scioltezza, ma alla prima accelerazione Fontolan perde le distanze col loro centravanti e lo stende in area. Rigore ineccepibile che viene trasformato da Durovski, Bosco Durovski. Per alcuni minuti siamo frastornati, i giocatori e anche noi tifosi; che sia già ora di fare le valigie e tornare a casa? La Stella Rossa da squadra esperta capisce che può tentare di cercare subito il colpo decisivo e in qualche situazione ci va di lusso; ma questo Verona è una squadra con gli attributi al posto giusto e rinserra le fila, in fondo siamo pari e possiamo aspettarli, e se si scoprono...

 

Ed infatti capita sui talvolta sciagurati piedi di Sacchetti una occasione dopo una mischia, ma cicca il pallone e l'occasione sfuma; ma il buon Gigi ha poco dopo la mezzora l'occasione più bella della sua carriera di calciatore di avere tutto suo il palcoscenico del calcio internazionale, riceve palla sulla trequarti, la controlla un po' a fatica facendo quello che ora chiamano "sombrero" ad un avversario e da una decina di metri fuori area di controbalzo fa partire una sventola che si infila sotto l'incrocio dei pali dell'esterrefatto portiere serbo. Lo stadio ammutolisce e si sentono le grida in curva e nello spicchio di centrale dove siamo noi, che è esattamente dove Sacchetti viene ad inginocchiarsi per qualche secondo dopo aver segnato! Sono sicuro che quello che si sporge più di tutti dalla balaustra per toccare il grande fromboliere sono io!!!

 

Ci arriva addosso di tutto, e fino alla fine della partita sarà così, ma francamente ce ne infischiamo! siamo una squadra grandissima, stiamo giocando una partita senza alcun timore reverenziale, concludiamo il tempo padroni assoluti del campo; l'intervallo ci regala un po' di tregua e comunque l'eccitazione è ormai alle stelle. Il secondo tempo inizia come era finito il primo, il Verona che giostra a piacimento ed iniziano ad arrivare falli duri, quasi di frustrazione, ed ancora Courtney non mostra crepe, è sicuro e autoritario.

 

Però inopinatamente come nel primo tempo, al quarto d'ora, subiamo la rete della Stella Rossa, punizione laterale e colpo di testa dell'altro Durovski, Mirko. In un attimo riappaiono i fantasmi dell'eliminazione, il clima diventa ancor più torrido e i 100.0000 del Marakana sono 100.000 assatanati che in questo momento vorrebbero sbranarci.

 

Dopo pochi minuti Garella (finora attento ma non troppo impegnato) si guadagna la pagnotta togliendo dalla riga della porta una punizione dal limite che aveva fatto gridare al gol. Il pensiero che ho fatto in quel momento è stato che se la partita dovesse finire così, Stella Rossa vincente 2-1 ma noi qualificati, probabilmente la pelle non la portiamo a casa tutti. Ma sono pensieri irrazionali, perché la razionalità invece è in campo e in quel piccoletto con la maglia n. 11 che se ne va via solo soletto e beffa il portiere con un pallonetto delizioso.

 

I nostri panchinari scattano come molle, ricordo la sagoma inconfondibile anche a più di 100 metri di Joe Jordan che va prendere il nostro centravanti che ha il fisico di suo figlio e lo porta in trionfo. E anche l'altro gigante, Zmuda, abbandona per una attimo la celebre freddezza polacca. E' una festa incredibile, e gli slavi incassano a fatica, in campo e fuori. In campo cominciano a menare e Courtney dimostra di avere due palle così, ne sbatte fuori uno poco dopo (credo fosse Bankovic per una manata a Volpati) e non cede di un millimetro alle continue provocazioni, lamentele, proteste dei giocatori di casa.

 

La partita non è finita, mancherà una ventina di minuti, ma ormai li vedi i gialloblu che sono padroni del campo, Tricella che verticalizza appena può (anche se torna sempre subito indietro), Di Gennaro che sventaglia a destra e a manca tanto c'è sempre Fanna che va a prenderle tutte, le palle e anche le botte! La Stella Rossa, in inferiorità numerica, ormai si regge solo sulla forza della disperazione, butta dentro palloni su palloni, ma anche Fontolan che è stato forse quello più in difficoltà si è ringalluzzito e ormai le prende tutte, mentre Marangon spoetizza il talentuoso Sestic, stella di casa e della nazionale.

 

E la logica dice che sia la squadra migliore a segnare ancora, e difatti dopo altre occasioni sfumate per un niente e un palo di Storgato il Nanu se ne va via un'altra volta, come prima, e come prima tocco sotto... (e adesso tutti a chiamarlo cucchiaio..... PALLONETTO!!! si dice PALLONETTO!!!!!) e palla in fondo al sacco.

 

 Allora non usava ancora uscire dal campo a festeggiare sotto le curve, credo che a Belgrado però sia stato uno dei posti dove si è iniziato, il Nanu che fa il giro sotto ai ragazzi dalle sciarpe gialloblu e forse si becca pure qualcosa in testa che gli tirano contro, ma è come un soffio di vento che scompagina i capelli. Stella Rossa 2 - Verona 3, mancano 10' alla fine e dovrebbero segnarne tre per superarci, non succederà mai! Anzi, con Volpati sfioriamo addirittura la quarta segnatura, la palla tocca la parte alta della traversa, e l'ottimo arbitro Courtney di cui conservo ancora un ricordo molto bello, di grande professionista che avrebbe anche potuto essere meno imparziale e nessuno glielo avrebbe rimproverato visto il clima da feroce battaglia che c'è stato dall'inizio alla fine mette fine alla contesa. Noi siamo letteralmente con le lacrime agli occhi, sappiamo che è vero perché c'eravamo, ma lo stesso.... non ci possiamo credere!!!!

 

Parte di racconto scritto da Mister Chivers
pubblicato su www.hellastory.net
 

 


 

 

 

Coppa Uefa 1983-84
ritorno trentaduesimi di finale

 

Belgrado, 28 Settembre 1983

Stella Rossa Belgrado 2 - Hellas Verona 3

 

(17' rig. B. Djurovski, 35' Sacchetti,
58' M. Djurovski, 65' e 83' Galderisi)

 

Vedi titoli stampa

 


 

 

 

Coppa Uefa 1983-84
ritorno sedicesimi di finale

 

Graz, 2 Novembre 1983

Sturm Graz 0 - Hellas Verona 0

 


 

 

 

Coppa Campioni 1985-86

andata sedicesimi di finale

 

Verona, 18 Settembre 1985

Hellas Verona 3 - Paok Salonicco 1

 

(14' Elkjaer, 70' Skartados, 85' Elkjaer, 87' Volpati)

 


 

 

 

Coppa Campioni 1985-86

ritorno sedicesimi di finale

 

Salonicco, 2 Ottobre 1985

Paok Salonicco 1 - Hellas Verona 2
 

(3' Vassilakos, 29' e 72' Elkjaer)

 

Sul biglietto ci sono 4 autografi fatti in aeroporto:
 in alto Ferroni e Briegel, sotto Fontolan e Elkjaer.

 

Vedi titoli stampa

 


 

 

 

Coppa Uefa 1987-88
andata trentaduesimi di finale

 

Stettino, 16 Settembre 1987

Pogon Stettino 1 - Hellas Verona 1

 

(8' Elkjaer, 58' Lesniak)

 


 

 

 

Coppa Uefa 1987-88
ritorno trentaduesimi di finale

 

Verona, 30 Settembre 1987

Hellas Verona 3 - Pogon Stettino 1

 

(32' e 40' rig. Elkjaer, 42' rig. Di Gennaro, 81' Hawrylewicz)

 


 

 

 

Coppa Uefa 1987-88
andata sedicesimi di finale

 

Utrecht, 21 Ottobre 1987

FC Utrecht 1 - Hellas Verona 1

 

(43' Berthold, 45' Van Ginkel)

 


 

 

 

Coppa Uefa 1987-88

ritorno sedicesimi di finale

 

Verona, 4 Novembre 1987

Hellas Verona 2 - FC Utrecht 1

 

(69' Di Gennaro, 71' De Kock, 89' aut. Verrips)

 

Vedi titoli stampa

 


 

 

 

Coppa Uefa 1987-88

andata ottavi di finale

 

Verona, 25 Novembre 1987

Hellas Verona 3 - Sportul Bucarest 1

 

(25' Fontolan, 28' Pacione, 63' Coras, 82' rig. Elkjaer)

 


 

 

 

Coppa Uefa 1987-88

ritorno ottavi di finale

 

Bucarest, 9 Dicembre 1987

Sportul Bucarest 0 - Hellas Verona 1

 

(69' Elkjaer)

 


 

 

 

Coppa Uefa 1987-88

andata quarti di finale

 

Verona, 2 Marzo 1988

Hellas Verona 0 - Werder Brema 1

 

(49' Neubarth)

 


 

 

Coppa Uefa 1987-88

ritorno quarti di finale

 

Brema, 16 Marzo 1988

Werder Brema 1 - Hellas Verona 1

 

(31' Sauer, 53' Volpecina)

 


 

Grazie a Mister Chivers per il materiale messo a mia disposizione

 


 

 

 

 


 

 

 

 

 

Scudetto

Campionato 1984/85

12 Maggio 1985

Curva Sud a Bergamo

Curva Sud al Bentegodi

Osvaldo Bagnoli

Squadra

Abbonamento

Protagonisti dello scudetto

Biglietto 12 maggio 1985

Biglietto 19 maggio 1985

Prime pagine

L'Arena 13-05-85

L'Arena 20-05-85

Il Veronese

Guerin sportivo

Album calciatori 1984-85

Lavagno:Piazza Scudetto

 

Storia Hellas Verona

Dati dal 1903 al 2007

Classifiche 1945 - 1954

Classifiche 1955 - 1964

Classifiche 1965 - 1974

Classifiche 1975 - 1984

Classifiche 1985 - 1994

Classifiche 1995 - 2004

Classifiche 2005 - 2014

 

Campionato

1975-1976

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Campionato

1982-1983

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Campionato

1983-1984

Girone d'andata

Girone di ritorno

 

Formazioni

Dal 1955 ai giorni nostri

 

Abbonamenti

Dal 1947 ai giorni nostri

 

Biglietti

1970/1971

1971/1972

1973/1974

1975/1976

1976/1977

1977/1978

1978/1979

1979/1980

1981/1982

1982/1983

1983/1984

1984/1985

1985/1986

1986/1987

1987/1988

1988/1989

1989/1990

1991/1992

1993/1994

1997/1998

1999/2000

2007/2008

2008/2009

2009/2010

Coppe europee

Coppe europee Mr. Chivers

Speciali 2000

Trasferte "a Chievo"

 

Protagonisti gialloblu

Osvaldo Bagnoli

Gianfranco Zigoni

Preben Larsen Elkjaer

José Guimaraes Dirceu

 

Rassegna stampa

Derby serie A

H.V. - Stella Rossa

Stella Rossa - H.V.

H.V. - Sturm Graz

H. V. - Paok Salonicco

Paok Salonicco - H.V.

H. V. - Utrecht

 

Cori gialloblu

Testi

Audio

 

Striscioni

Ciao Butei

Striscioni vari

Striscioni Dirceu

Pastorello Day

 

Gemellaggi

Soli contro tutti

1 Febbraio 1987

Adesivi gialloblu

Pubblicazioni

Copertine GS

GS: bomba allo stadio

Annus Horribilis